Il Kingston Trio porta la musica folk in cima alle classifiche pop statunitensi

Il Kingston Trio porta la musica folk in cima alle classifiche pop statunitensi



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il 17 novembre 1958, "Tom Dooley" del Kingston Trio raggiunge il primo posto nella classifica Tabellone grafico pop.

Anche se non avrebbero voluto riconoscerlo, i fan della protesta popolare degli anni '60 probabilmente dovevano l'esistenza stessa del movimento a tre ragazzi con i capelli a spazzola e le magliette a righe caramellate che hanno affinato il loro atto non nei vagoni merci o nei caffè del Greenwich Village, ma nelle confraternite e nelle confraternite della Stanford University a metà degli anni '50. Nella loro musica come nel loro aspetto fisico, il Kingston Trio tradiva poco disagio con lo status quo sociopolitico degli anni '50. Tuttavia, senza gli enormi profitti che la loro musica ha generato per la Capitol Records, è impossibile immaginare contratti di registrazione di major con alcuni di coloro che avrebbero sfidato lo status quo nel decennio a venire. Joan Baez e Bob Dylan, ad esempio, possono aver dovuto il loro sviluppo musicale e politico a precursori come Woody Guthrie e Pete Seeger, ma probabilmente devono la loro redditività commerciale al Kingston Trio, che ha introdotto il suono sorprendentemente fresco di un 100 anni- vecchia canzone popolare nel mainstream pop americano del 1958.

La canzone "Tom Dooley" fu probabilmente cantata per la prima volta dopo il 1 maggio 1868, quando un uomo della Carolina del Nord di nome Tom Dula fu impiccato a morte per l'omicidio della sua fidanzata, Laura Foster. Grazie all'ampia copertura sui principali giornali come IlNew York Times, il processo al signor Dula lo rese una sorta di causa nazionale celebre, e proclamò la sua innocenza dell'omicidio anche mentre si trovava sul patibolo. Non è chiaro quando o da chi sia stata scritta la lugubre ballata omicida basata sulla sua storia, ma è stata resuscitata dal Kingston Trio alla fine degli anni '50 dopo aver sentito un collega cantante folk eseguirla in un'audizione al Purple Onion club di San Francisco.

La versione del Kingston Trio di "Tom Dooley" si è concentrata più sull'atmosfera lunatica degli Appalachi che sui dettagli grafici del quadrilatero d'amore trovato nell'originale, ma quel compromesso, combinato con le armonie supportate dal banjo del Trio, ha reso "Tom Dooley" in il gigantesco successo che ha lanciato la loro carriera di enorme successo. E il successo del Kingston Trio, a sua volta, ha permesso a un marchio più politico di musica folk di entrare nel mainstream popolare - e nel DNA del rock and roll - negli anni che seguirono.


Cantanti di Whiskyhill

Il Cantanti di Whiskyhill sono stati formati all'inizio del 1961 da Dave Guard dopo aver lasciato il Kingston Trio. Guard formò i Singers come un tentativo di tornare alle precedenti radici del Trio nella musica folk. Il cantanti durò circa sei mesi prima di sciogliersi. Durante quel breve periodo il gruppo ha pubblicato un album, Dave Guard e The Whiskeyhill Singers, e ha registrato una serie di brani per la colonna sonora di Come è stato vinto l'Occidente?, ma solo quattro di questi sono stati utilizzati nel film.


Contenuti

Shane è nato il 1 febbraio 1934 a Hilo sulla Big Island delle Hawaii, figlio di Margaret (Schaufelberger) e Arthur Castle Schoen, un distributore all'ingrosso di giocattoli e articoli sportivi. Sua madre era di Salt Lake City e suo padre era un hawaiano di origine tedesca. [2] [3] [4] Shane era nelle sue stesse parole "un isolano di quarta generazione". Ha frequentato le scuole locali, tra cui la prestigiosa Punahou School per i suoi anni di scuola media e superiore. Il curriculum di Punahou enfatizzava la cultura nativa hawaiana, [5] integrando l'interesse già in via di sviluppo di Shane per la musica in generale e per la musica hawaiana in particolare.

Durante questi anni, Shane (la grafia fonetica che iniziò a usare nel 1957) imparò a suonare prima l'ukulele e poi la chitarra, influenzato soprattutto da chitarristi hawaiani con chiave slack come Gabby Pahinui. Fu anche durante questi anni che Shane incontrò il compagno di classe di Punahou Dave Guard e iniziò ad esibirsi con lui alle feste e agli spettacoli di varietà scolastici.

Dopo la laurea nel 1952, Shane frequentò il Menlo College a Menlo Park, in California, mentre Guard si iscrisse alla vicina Stanford University. A Menlo, Shane incontrò e divenne subito amico di Nick Reynolds, originario della zona di San Diego e anche musicista e cantante con una vasta conoscenza di canzoni popolari e popolari, grazie in parte al padre amante della musica di Reynolds, un capitano della Marina . Shane presentò Reynolds ai Guard, e nel 1956 i tre iniziarono a esibirsi insieme come parte di un'aggregazione informale che poteva, secondo Reynolds, [6] espandersi fino a sei o sette membri. Il gruppo ha avuto nomi diversi, il più delle volte come "Dave Guard and the Calypsonians". Guadagnavano poco più di una birra e non avevano aspirazioni professionali formali. Shane lasciò il college durante l'ultimo anno e tornò alle Hawaii per lavorare nell'azienda di famiglia. [7] [8]

Tuttavia, Shane aveva scoperto un'affinità naturale per l'intrattenimento e di notte intraprese una carriera da solista alle Hawaii, inclusi impegni in alcuni dei principali hotel di Waikiki. L'atto di Shane consisteva in un eclettico mix di canzoni di Elvis Presley, Hank Williams, Harry Belafonte e spettacoli di Broadway. Durante questo periodo di diversi mesi ha anche incontrato la leggenda del blues acustico Josh White, che ha aiutato Shane a perfezionare il suo stile di chitarra e lo ha influenzato a supportare la sua voce con una chitarra Martin "Dreadnought", significativa in quanto ha portato all'associazione permanente di Shane con quel liutaio . [9] La società ha ricambiato emettendo una serie di modelli "firmati" in onore di Shane e del Kingston Trio alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000. [10]

Allo stesso tempo, in California, Guard e Reynolds si erano organizzati in modo un po' più formale in un atto chiamato "The Kingston Quartet" con il bassista Joe Gannon e la sua fidanzata, la cantante Barbara Bogue. Questo gruppo è apparso per un impegno di una notte in un club chiamato Italian Village a San Francisco, al quale hanno invitato il pubblicista Frank Werber, che aveva catturato l'atto dei Calypsonians con Shane alcuni mesi prima al giardino della birra Cracked Pot a Palo Alto. Werber fu impressionato dal talento naturale e dalla sinergia tra Guard e Reynolds, fu meno impressionato da Gannon e Bogue, e suggerì a Reynolds e Guard che sarebbero stati meglio come trio senza Gannon - più facile da prenotare e migliore musicalmente. [11] Quando Guard e Reynolds lasciarono andare Gannon e Bogue lo seguì, Reynolds, Guard e Werber considerarono Shane il logico terzo membro e gli chiesero di tornare in California, cosa che fece nella primavera del 1957. [12] La voce baritonale di Shane e il lavoro alla chitarra furono le fondamenta del sound del Kingston Trio. [13]

Shane, Guard, Reynolds e Werber hanno stipulato un accordo informale (su un tovagliolo di carta, secondo una leggenda che Werber ha sfatato) [14] che si è trasformato in una partnership legale. Hanno deciso il nome "Kingston Trio" perché evocava, pensavano, sia l'allora popolare musica calypso che emanava da Kingston, in Giamaica, sia il tipo di ambiente "collegiale" suggerito dal loro abbigliamento da palcoscenico rapidamente adottato di bottoni abbinati- camicie a righe con collo in piuma e maniche a tre quarti.

Sotto la rigorosa tutela di Werber, Shane, Guard e Reynolds iniziarono le prove quasi quotidiane per diversi mesi, incluse le istruzioni dell'importante vocal coach di San Francisco Judy Davis. La prima significativa rottura del gruppo arrivò nell'estate del 1957 quando il comico Phyllis Diller dovette annullare un impegno al The Purple Onion, un piccolo night club di San Francisco, e Werber convinse la direzione ad assumere il trio non testato per una settimana. Le strette armonie del trio, il repertorio vario e l'umorismo accuratamente provato ma apparentemente spontaneo sul palco li hanno resi un successo immediato con i clienti del club, e il fidanzamento è durato sei mesi. [15]

Durante questo periodo, Werber ha usato la popolarità locale del Kingston Trio per cercare di generare interesse da parte delle case discografiche. Dopo diverse false partenze, il gruppo ottenne un contratto con la Capitol Records, registrando il loro primo album in tre giorni nel febbraio 1958. [15] Il produttore era il già leggendario (dalle sessioni Capitol di Frank Sinatra degli anni '50) Voyle Gilmore, che realizzò due immediati e decisioni fatali. Gilmore ha insistito sul fatto che il suono acustico del trio avesse più di un "fondo" e ha aggiunto un bassista alle registrazioni. Decise anche che il gruppo doveva essere registrato senza ulteriore strumentazione orchestrale, cosa insolita per il tempo in cui entrambe le decisioni arrivarono a caratterizzare quasi tutte le successive registrazioni e esibizioni dal vivo del Kingston Trio. [16]

L'album Il Kingston Trio è stato rilasciato nel giugno 1958 nello stesso momento in cui il gruppo stava iniziando un lungo impegno nel più importante night club Hungry i di San Francisco. L'album includeva il numero che divenne la canzone distintiva di Shane, "Scotch and Soda", potente e ritmico lavoro di chitarra di Shane in tutto, e un'oscura ballata omicida della Carolina del Nord, "Tom Dooley" in cui Shane cantava come protagonista.

Nell'estate del 1958, mentre Shane e il Trio si esibivano al Royal Hawaiian Hotel di Honolulu, il disc jockey Paul Colburn a Salt Lake City iniziò a suonare il "Tom Dooley" tagliato dall'album in onda, e DJ a Miami e a livello nazionale seguito l'esempio. [17] La ​​risposta popolare costrinse un riluttante reparto marketing della Capitol Records a pubblicare la canzone come singolo l'8 agosto 1958. [17] Raggiunse la prima posizione nelle classifiche di Billboard e Variety, vendendo un milione di copie prima del Natale del 1958 e guadagnando il Kingston Trio sia il primo di otto dischi d'oro che di due Grammy. [18]

Questo ha inaugurato un'era di notevole successo sia come registrazione che come esibizione per Shane e il Trio. Nel solo 1959, il gruppo pubblicò quattro album, tre dei quali raggiunsero lo status di #1 e tutti e quattro furono nella Top Ten di Billboard nel dicembre 1959, un'impresa eguagliata solo dai Beatles. Tredici dei loro album sono stati inseriti nella Top Ten di Billboard, con cinque che sono andati al numero 1 e il primo album è rimasto in classifica per 195 settimane. [19] Anche una mezza dozzina di singoli è entrata nella Top 100. Il gruppo ha suonato più di duecento date all'anno per diversi anni, aprendo la strada al circuito dei concerti universitari e apparendo anche nella maggior parte dei migliori night club, festival e anfiteatri del paese. [20]

Fu durante questo periodo, tuttavia, che il conflitto iniziò a ribollire tra gli amici del liceo Shane e Guard. Le controversie sulla direzione musicale del Kingston Trio e il disaccordo sulle finanze e sui diritti d'autore sono le cause più frequentemente citate nella decisione di Guard nella primavera del 1961 di lasciare quello che all'epoca era il gruppo più popolare della musica americana. [21] Shane, Reynolds e Werber acquistarono l'interesse di Guard nella partnership e si mossero rapidamente per trovare un sostituto, stabilendosi su John Stewart, un giovane musicista e compositore folk che aveva scritto una serie di canzoni che il Trio aveva già registrato. The Shane, Reynolds e Stewart Kingston Trio rimasero insieme per altri sei anni, pubblicando altri nove album su Capitol e segnando un certo numero di singoli di successo nella Top 40 fino a quando le vendite dei dischi diminuirono a causa del passaggio del boom folk popolare e dell'ascesa degli altri atti importanti, i Beach Boys ei Beatles, spinsero il gruppo a trasferirsi alla Decca Records. Pubblicarono altri quattro album prima di sciogliersi come atto a seguito di un impegno finale agli Hungry i nel giugno 1967. [22]

Shane non era stato favorevole allo scioglimento del Kingston Trio, sia perché sentiva che il Trio poteva adattarsi ai mutevoli gusti musicali, sia perché era ormai diventato un intrattenitore abile e un abile venditore. Decidendo di rimanere nel mondo dello spettacolo, Shane sperimentò sia con il lavoro solista (ha registrato diversi singoli, tra cui una versione della canzone "Honey" che in seguito divenne un milione di copie vendute per Bobby Goldsboro) [23] sia con diverse configurazioni con altri folk esecutori orientati.

Nel 1969 chiese il permesso a Reynolds e Werber, ancora suoi soci, di prendere in affitto il nome del gruppo. Hanno acconsentito a condizione che Shane assemblasse un gruppo di qualità musicale paragonabile alle due configurazioni originali e che "New" fosse aggiunto al nome. Shane organizzò due compagnie sotto il nome di "The New Kingston Trio". Il primo era composto dal chitarrista Pat Horine e dal banjoista Jim Connor oltre a Shane e durò dal 1969 al 1973, il secondo comprendeva il chitarrista Roger Gambill e il banjoista Bill Zorn dal 1973 al 1976. Shane cercò di creare un repertorio per questi gruppi che includesse entrambi gli attesi Standard del Kingston Trio come "Tom Dooley" e "MTA" ma anche canzoni più contemporanee, compresi brani country e novità. Il tentativo non ha avuto alcun successo significativo. Sebbene entrambi questi gruppi abbiano realizzato un numero limitato di registrazioni e apparizioni televisive, nessuno dei due ha suscitato molto interesse da parte dei fan o del pubblico in generale. [24]

Alla fine del 1976, Bill Zorn voleva intraprendere una carriera da solista e lasciò il gruppo in circostanze amichevoli. Per sostituirlo, Shane ha trovato un artista più giovane di nome George Grove, strumentista e cantante. Shane si rese conto che la più grande risorsa del gruppo, oltre alla sua voce e alla sua presenza come membro fondatore, era il nome stesso. Di conseguenza, ha acquistato i diritti del nome Kingston Trio a titolo definitivo da Reynolds e Werber, e tutte le successive iterazioni della troupe di Shane dalla fine del 1976 sono state conosciute semplicemente come Kingston Trio.

Nel 1981, i produttori della PBS JoAnn Young e Paul Surratt lanciarono un'idea a Shane: un concerto di reunion che la rete potesse utilizzare come raccolta fondi e che includesse non solo l'attuale gruppo di Shane, ma anche riunioni sul palco delle due formazioni originali del Kingston Trio con Guardia e Stewart. Shane e gli altri presidi hanno acconsentito, e il concerto è stato messo in scena e registrato al parco divertimenti Magic Mountain a Valencia, in California, nel novembre 1981, è stato trasmesso sulle stazioni PBS nel marzo 1982.

Nonostante qualche tensione residua tra Guard e Shane, parte della quale è emersa in un giornale di Wall Street articolo di Roy Harris sull'evento e che derivava dai commenti pubblici fatti da Guard secondo cui Shane sentiva disprezzato sia lui che il suo gruppo attuale, [25] il concerto ebbe un discreto successo e divenne un punto di riferimento nella storia del Kingston Trio. Nei successivi nove anni, Shane e Guard si riconciliarono in larga misura. Guard soffriva di cancro anche se apparentemente in remissione quando Shane e Reynolds lo visitarono nel New Hampshire nell'estate del 1990, e i tre discussero la possibilità di un tour di reunion che avrebbe nuovamente caratterizzato l'attuale troupe di Shane (che a quel tempo includeva un re- rinvigorito Nick Reynolds) così come Guard e Stewart. Il linfoma di Guard è tornato, tuttavia, ed è morto nel marzo 1991. Shane è stato l'unico membro di qualsiasi configurazione del Kingston Trio a cantare al servizio commemorativo di Guard. [26]

Negli anni successivi all'acquisizione da parte di Shane del nome Kingston Trio nel 1976, il personale del gruppo è cambiato più volte, sebbene Shane e Grove siano rimasti costanti. Shane ha guidato il gruppo verso un successo che, se non è mai stato l'equivalente del primo decennio del gruppo, è stato comunque costante e coerente. Il Kingston Trio di Shane faceva molto affidamento su una "formula dei grandi successi" aumentata da una serie di altre canzoni acquisite nel corso degli anni che i fan avevano accettato come parte del repertorio del gruppo.

Nel marzo 2004, un mese dopo il suo settantesimo compleanno, Shane ha subito un debilitante attacco di cuore che lo ha costretto a ritirarsi dal tour e ad esibirsi dopo 47 anni con l'atto. [7] Sebbene Shane avesse inizialmente pianificato di tornare nel gruppo dopo la convalescenza, l'attacco fu abbastanza grave da giustificare il ritiro permanente di Shane dall'esibirsi con il gruppo che ancora possedeva. È stato sostituito dall'ex membro del New Kingston Trio Bill Zorn.

Shane è stato sposato per 23 anni con l'ex Louise Brandon, hanno avuto 5 figli e 8 nipoti. [4] [7] Il matrimonio si concluse con un divorzio e nel 2000 si risposò con Bobbi Childress. [7]

È morto il 26 gennaio 2020 in una struttura di ospizio a Phoenix, in Arizona, all'età di 85 anni. [4] [7] [27]


Musica e canto popolare


Frank Proffitt canta e suona per Anne Warner nel 1941. Scegli Britches Valley,
Carolina del Nord.
(Collezione Anne e Frank Warner. Foto di Frank Warner)

A partire dal 1929, quando raccolse la sua prima canzone popolare dalla collega del Vermont Dorothy Canfield Fisher, Helen Hartness Flanders dedicò trent'anni della sua vita alla ricerca e alla registrazione di migliaia di canti popolari e ballate eseguite da cantanti tradizionali del Vermont e di altri stati del New England. Diceva di essere &ldquoallergica&rdquo alle ballate: ogni volta che si avvicinava le prendeva. La storia dell'Archivio della cultura popolare inizia come una storia di &ldquosong-catchers.&rdquo

Un anno prima, nel 1928, quando Robert W. Gordon arrivò alla Library of Congress come capo del nuovo Archive of American Folk-Song, portò con sé il suo sogno di collezionare tutte le canzoni popolari americane. Mentre altri collezionisti erano tipicamente interessati a trovare esempi sopravvissuti di ballate inglesi e scozzesi, ed erano principalmente interessati allo studio accademico dei testi delle canzoni, Gordon raccolse una vasta gamma di canzoni da una varietà di informatori. Inoltre, Gordon ha registrato registrazioni sonore dei cantanti tradizionali che ha trovato, al fine di garantire non solo i testi delle canzoni, ma anche le loro melodie.

Il folklorista texano John A. Lomax temeva che la radio e il grammofono avrebbero scoraggiato le persone dal creare la propria musica e che le canzoni sarebbero state dimenticate e perse. Durante gli anni '30 e '40 portò con sé una macchina da registrazione in tutto il sud, viaggiando con suo figlio Alan (così come con la sua prima moglie, Bess, e in seguito la sua seconda moglie, Ruby). I Lomax visitarono fattorie e ranch, cortili di scuole e chiese, locali notturni e prigioni. Lavorando insieme e separatamente, padre e figlio hanno registrato ballate da cowboy, canzoni di lavoro, canzoni religiose, grida di campo, blues e molte altre forme di espressione tradizionale. Erano collezionisti instancabili con un'abilità misteriosa nel trovare cantanti tradizionali con grandi repertori e convincerli a cantare e suonare per l'ingombrante macchina da taglio che portavano con sé.

La borsa di studio sulla ballata negli Stati Uniti trae origine da Francis James Child, del Dipartimento di inglese di Harvard. Il bambino era l'editore di Le ballate popolari inglesi e scozzesi (1882 e 84). Gli studi sul folklore sono spesso associati ai dipartimenti di inglese e sia Robert Gordon che John Lomax sono stati incoraggiati a perseguire il loro interesse per il canto popolare dai professori di inglese di Harvard George Lyman Kittredge e Barrett Wendell.Ma la maggior parte degli ascoltatori di canzoni americani, che hanno sfruttato le tecnologie di registrazione successive a partire dalla macchina a cilindro di cera di Edison, erano più che studiosi di letteratura. Credevano che il loro lavoro avesse un'importanza morale che trascendeva lo studio accademico.


Walking for Dat Cake Songster , "Contiene una raccolta completa di nuove canzoni, barzellette, discorsi di ceppo, che hanno reso Harrigan & Hart i campioni della giornata, tra i quali si troveranno le seguenti canzoni. . ." Compilato da Edward Harrington e Tony Hart (New York: A.J. Fisher, 1877).
(Collezione di cantanti Robert W. Gordon)


Scivolando lungo il ruscello Songster.
(Robert W. Gordon Songster Collection)


Myrtle B. Wilkinson suona il banjo tenore, Turlock, California, 1939.
(WPA California Folk Music Project Collection. Fotografo sconosciuto)

Operando per motivi simili a quelli di altri etnografi, Frances Densmore, Helen Heffron Roberts, Willard Rhodes e altri hanno documentato la musica dei nativi americani, temendo che anche gli indiani d'America sfollati dalle loro terre corressero il rischio di perdere la loro cultura. La registrazione del suono è stata particolarmente importante per questo lavoro, poiché i testi delle canzoni indiane sono spesso composti non da parole trovate nella lingua parlata del cantante ma da vocaboli, sillabe non lessicali, come Hey o n / A, che rientrano in schemi modellati da considerazioni linguistiche, di genere musicale e musicali.

I cantanti tradizionali (o musicisti o narratori) sono coloro che hanno appreso la loro arte in modo informale, nel contesto della famiglia, della tribù, della comunità o di un altro gruppo affiatato. Molte canzoni tradizionali sono state cantate all'interno della stessa famiglia o gruppo folk per generazioni e talvolta possono essere fatte risalire a luoghi di origine come la Gran Bretagna, l'Europa o l'Africa. Ad un certo punto la canzone sarebbe stata composta da un singolo individuo, ma quell'autore potrebbe non essere più conosciuto. La maggior parte dei canti popolari cambia nel tempo, in misura minore o maggiore, poiché vengono trasmessi da persona a persona e ne nascono molteplici varianti.

In alcuni contesti, i canti tradizionali sono parte integrante della vita quotidiana e particolari canti vengono eseguiti per accompagnare particolari attività legate al lavoro, alle celebrazioni religiose o alle occasioni sociali. Le ballate anglo-americane offrono spesso racconti di ammonimento e lezioni morali, mettendo in guardia le giovani donne sulle tentazioni dei corteggiatori dalla lingua di miele e mettendo in guardia gli uomini sulle astuzie delle donne infedeli. Canzoni marinare e canzoni ferroviarie possono funzionare per alleggerire il peso delle attività di routine e fornire un ritmo che aiuta i lavoratori a lavorare come una squadra. Le ninne nanne uniscono madre e figlio, e canti e musiche di ogni genere eseguite all'interno del contesto familiare aiutano a legare una generazione all'altra.

Dal 1976, quando è stato creato l'American Folklife Center, le collezioni dell'Archivio Folk sono cresciute enormemente, sia per numero di articoli che per ampiezza di copertura, per includere un'ampia gamma di espressioni della vita popolare. Ma l'attività distintiva presso la Folklife Reading Room del centro, dove i ricercatori vengono a utilizzare i materiali, consiste nell'ascoltare le ineguagliabili raccolte di musica e canto folk, realizzate in gran parte sul campo, dagli Stati Uniti e da tutto il mondo. I ricercatori vengono per ascoltare e studiare esecuzioni tradizionali di ballate angloamericane o blues afroamericano, canzoni di lavoro e musica sacra. Ascoltano le canzoni della ferrovia, le canzoni dei cowboy, le canzoni dei minatori di carbone e i canti del mare, o la musica dei nativi americani delle tribù di tutto il Nord America. Studiano la musica tradizionale dell'Africa, dell'America centrale e meridionale, del Medio Oriente, dell'Europa, dell'Asia meridionale, del Pacifico e di altre parti del mondo.


John Galusha, detto Yankee John, a ottantuno anni. Minerva, New York, 1940.
(The Anne and Frank Warner Collection. Foto di Frank Warner)


Le ragazze messicane cantano per una registrazione della Biblioteca del Congresso,
San Antonio, Texas, 1934.
(Divisione stampe e fotografie.
Foto di Alan Lomax)


Wes Noel suona il violino,
Elk Springs, Missouri.
(Collezione Vance Randolph.
Foto di Vance Randolph
)


Poster per una performance di Jim Garland, alla 13th Avenue Gallery, 1963.
(Collezione di poster dell'American Folklife Center)


Will Neal suona il violino all'Arvin Migratory Labor Camp, in California, intorno al 1940.
(La collezione di lavoratori migranti di Charles L. Todd e Robert Sonkin. Foto di Robert Hemming )


I musicisti della tribù Haha, di Tamanar, suonano il piegare (un tamburo a forma di tamburello) e il aouada (un flauto ad ancia lunga), mentre Paul Bowles li registra.
Essaouira, Marocco, 8 agosto 1959.
(Collezione di musica marocchina di Paul Bowles. Fotografo sconosciuto)


Pagina scritta a mano da Helen Heffron Robert's Round Valley, California, quaderni, 1926, contenente le trascrizioni di due canzoni di Konkow Burning Ceremony Cry da registrazioni di cilindri di cera fatte dalla signora Jim Stevens.
(Collezione Helen Heffron Roberts)


Pagina scritta a mano da Helen Heffron Robert's Round Valley, California, quaderni, 1926, contenente una trascrizione di una canzone di Grass Game dall'area di Maidu registrata da Anna Feliz.
(Collezione Helen Heffron Roberts)


L'etnomusicologa Vida Chenoweth intervista Taaqiyáa, il suo principale collaboratore musicale e testuale di Kaagú Usarufa, Papua, Nuova Guinea, 1967.
(Collezione Vida Chenoweth. Fotografo sconosciuto )


I musicisti portoghesi di fado Duarte Tavares e Olivete Maria Poulart si esibiscono al IV Seasons Restaurant, Lowell, Massachusetts, 14 novembre 1987.
(Collezione del progetto Lowell Folklife. Foto di John Lueders-Booth)


Contenuti

Gottlieb, fresco di dottorato in musicologia, era tra il pubblico quando Alex Hassilev e Glenn Yarbrough sono apparsi sul palco per cantare insieme un duetto. Gottlieb, che all'epoca lavorava come arrangiatore per il Kingston Trio, inizialmente pensava che "questi due ragazzi" potessero aiutarlo a realizzare alcuni demo per il Trio.

Presto fecero i bagagli e si diressero ad Aspen, in Colorado, per lavorare in un club chiamato "The Limelite", [2] che Yarbrough e Hassilev avevano acquistato dopo aver cantato lì durante la precedente stagione sciistica. [1] Dopo un breve periodo di perfezionamento del loro numero, partirono per l'"hungry i" di San Francisco, che all'epoca era il centro nevralgico della California per il crescente movimento folk contemporaneo. [2] Il proprietario aveva appena avuto un gruppo con tre nomi lunghi messi insieme e non aveva intenzione di mettere "Yarbrough, Hassilev e Gottlieb" sul tendone. Ma il gruppo non aveva ancora deciso il nome. Hanno scelto "The Limeliters".

Il loro successo è stato immediato. Solo due giorni dopo il loro debutto professionale, il gruppo ha ricevuto offerte da tre case discografiche. All'inizio del 1960 pubblicarono il loro primo album su Elektra. Poco dopo firmarono con la RCA Victor e seguirono una serie di album di successo.

Non avendo mai avuto un vero record di successo in cima alle classifiche, erano ben noti per il loro repertorio di canzoni travolgenti tra cui "There's a Meetin' Here Tonight", "City of New Orleans", "A Dollar Down" (il loro unico singolo in classifica, piazzandosi al numero 60 nel 1961), "Have Some Madeira M'Dear", "Lonesome Traveler", "Wabash Cannonball", "Whisky in the Jar" e molti altri che vengono eseguiti nei loro oltre 25 album e nei loro concerti.

L'album dei Limeliters Stasera: di persona raggiunse il numero 5 di Billboard nel 1961 [1] e rimase nelle classifiche statunitensi per 74 settimane. La ristampa nel 1961 del loro precedente album Elektra è entrata nella top 40 e ha trascorso 18 settimane in classifica. La loro terza uscita, I Limeliters leggermente favolosi, è entrato nella top ten nello stesso anno, [1] in classifica per 36 settimane. Un altro album che resiste è stato uno di canzoni popolari per bambini di tutte le età, Con gli occhi dei bambini. È rimasto in classifica per 29 settimane e ha raggiunto la posizione numero 25.

Il gruppo ha mantenuto un carico di lavoro frenetico durante il loro picco di popolarità. Oltre alle numerose registrazioni, hanno fatto numerose apparizioni televisive e le loro apparizioni personali hanno totalizzato più di 300 spettacoli all'anno. [3] Per tre anni, i Limeliters sono stati i rappresentanti musicali della Coca-Cola. La loro interpretazione del jingle, "Le cose vanno meglio con la coca", divenne un successo nazionale. Il gruppo ha anche svolto attività commerciale per le sigarette L&M.

Nel 1963 hanno cantato diverse canzoni per il film McLintock!.

La carriera del gruppo è quasi giunta al termine quando hanno subito un incidente aereo a Provo, nello Utah, durante il tour. [3]

Yarbrough lasciò il gruppo nel 1963. [1] Gottlieb e Hassilev continuarono i Limeliters ma solo come atto discografico, reclutando l'ex tenore dei Gateway Singers Ernie Sheldon [3] (r.n. Ernest Lieberman) come sostituto di Yarbrough. Sheldon ha scritto i testi per quello che è diventato il più grande successo solista di Yarbrough, "Baby the Rain Must Fall". [1]

Quando il contratto del trio con la RCA Victor scadde nel 1965, Gottlieb e Hassilev ritirarono formalmente l'atto. A quel punto Yarbrough era un solista di successo nei dischi e nei concerti. Hassilev divenne un produttore con il suo studio di registrazione e impianto di stampa, mentre Gottlieb guidava la Morningstar Commune in un ranch che aveva acquistato vicino a San Francisco.

Il gruppo si riformò brevemente nel 1968 per registrare un album per la Warner Bros. Records. [3]

Durante gli anni '70, i Limeliters intrapresero una serie di tournée annuali di reunion con Yarbrough. La Stax Records pubblicò una registrazione di reunion nel 1974, [3] e nel 1976 il gruppo pubblicò due album per concerti sulla propria Brass Dolphin Records. Questi ebbero un tale successo che nel 1981 Hassilev e Gottlieb decisero di riformare il gruppo e di tornare nel mainstream dell'intrattenimento. Con l'aggiunta del tenore Red Grammer e John David [3] ricominciarono ad esibirsi.

Dopo otto anni produttivi, Grammer lasciò il gruppo per intraprendere una carriera da solista come artista per bambini. Nel 1990, è stato sostituito da un altro tenore, Rick Dougherty, il cui ampio background musicale e la brillante presenza scenica hanno portato un'altra nuova dimensione al gruppo.

La morte di Gottlieb nel 1996 ha visto la sua parte di alto baritono ripresa da un ex membro del Kingston Trio, Bill Zorn.

Nel 2003, Zorn e Dougherty hanno lasciato il gruppo per unirsi al Kingston Trio (fino al 2017) e all'inizio del 2004, il tenore Mack Bailey e il baritono comico Andy Corwin si sono uniti al gruppo. [3] Nel 2006, Hassilev si ritirò e lasciò la band. Poco dopo, Gaylan Taylor si è unito nel 2006. Nel 2012, Don Marovich si è unito ai Limeliters - Nel 2019 si è unito al Kingston Trio. [ citazione necessaria ]

La band è in tournée di recente, nel 2019. [4]

Glenn Yarbrough è morto per complicazioni di demenza a Nashville, nel Tennessee, l'11 agosto 2016, all'età di 86 anni. [5]


Fondato da Randy Sparks nel 1961, questo gruppo ha contribuito con "Green, Green" nel 1963 dal loro album Ramblin'. I membri del gruppo cambiano regolarmente, praticamente ad ogni tour. A partire dal 2008, c'erano stati circa 300 di loro. Sono ancora in tournée nel 2017.

Odetta Holmes è stata definita la "Voce del movimento per i diritti civili". Martin Luther King Jr. una volta l'ha incoronata regina della musica folk americana. I suoi contributi agli anni '60 includono:

  • Questa mia piccola luce
  • Mule Skinner Blues
  • Ha tutto il mondo nelle sue mani

Contenuti

Le definizioni di "musica popolare contemporanea" sono generalmente vaghe e variabili. [3] Qui si intende tutta la musica chiamata folk che non è musica folk tradizionale, un insieme di generi che ha avuto inizio e si è poi evoluto dal folk revival della metà del XX secolo. Secondo Hugh Blumenfeld, per la scena folk americana: [4]

  • In generale, è anglo-americano, che abbraccia la musica acustica e/o basata sulla tradizione del Regno Unito e degli Stati Uniti.
  • Musicalmente, è principalmente dell'Europa occidentale nelle sue origini linguisticamente, è prevalentemente di origine inglese. Altri modi e linguaggi musicali, a torto oa ragione, tendono a essere separati e raggruppati sotto "World Music", anche se sono considerati tradizionali nelle rispettive culture.
  • Le poche eccezioni a questo modello derivano principalmente dalle condizioni politico/storiche prevalenti nel mondo anglo-americano e dai dati demografici dei fan del folk: musica celtica, blues, un po' di musica centro-sudamericana, musica dei nativi americani e klezmer. [4]

Questo è l'uso comune del termine "musica popolare contemporanea", ma non è l'unico caso di evoluzione di nuove forme da quelle tradizionali.

La musica country contemporanea discende in ultima analisi da una tradizione folk rurale americana, ma si è evoluta in modo diverso. La musica bluegrass è uno sviluppo professionale della musica americana dei vecchi tempi, mescolata con blues e jazz gypsy swing.

Mentre il nazionalismo romantico del folk revival ha avuto la sua più grande influenza sulla musica d'arte, il "secondo folk revival" del tardo XX secolo ha portato un nuovo genere di musica popolare con artisti commercializzati attraverso concerti, registrazioni e trasmissioni. Questo è il genere che rimane come "musica popolare contemporanea" anche quando la musica tradizionale è considerata un genere separato. Una delle prime figure di questo revival fu Woody Guthrie, che cantò canzoni tradizionali negli anni '30 e '40, oltre a comporre le sue. Tra gli amici e seguaci di Guthrie come collezionista, esecutore e compositore c'era Pete Seeger.

Negli anni '30, Jimmie Rodgers, negli anni '40 Burl Ives, nei primi anni '50 il gruppo di Seeger The Weavers e Harry Belafonte, e alla fine degli anni '50 il Kingston Trio e altri gruppi commerciali professionali divennero popolari. Alcuni che hanno definito la commercializzazione come l'inizio di questa fase considerano il successo commerciale Tom Dooley dal Kingston Trio nel 1958 a segnare l'inizio di questa era. [3] Nel 1963-1964, la rete televisiva ABC ha mandato in onda il Hootenanny serie televisiva dedicata a questo marchio di musica popolare e pubblicata anche sulla rivista associata ABC-TV Hootenanny. A partire dal 1950, il Cantare!, Fiancata, e La recensione di Little Sandy le riviste aiutarono a diffondere sia le canzoni tradizionali che quelle composte, così come le case discografiche orientate al folk-revival.

Nel Regno Unito, il folk revival ha incoraggiato giovani artisti come i Watersons, Martin Carthy e Roy Bailey e una generazione di cantautori come Bert Jansch, Ralph McTell, Donovan e Roy Harper tutti e sette hanno raggiunto la ribalta iniziale negli anni '60. Bob Dylan, Paul Simon e Tom Paxton visitarono la Gran Bretagna per qualche tempo nei primi anni '60, i primi due in particolare facendo uso in seguito del materiale tradizionale inglese che ascoltarono.

Nel 1950, il famoso folklorista americano e collezionista di canzoni tradizionali Alan Lomax venne in Gran Bretagna e incontrò A. L. "Bert" Lloyd ed Ewan MacColl, un incontro accreditato come l'inaugurazione del secondo revival folk britannico. A Londra, i colleghi hanno aperto il Ballads and Blues Club, poi ribattezzato Singers' Club, forse il primo folk club del Regno Unito che ha chiuso nel 1991. Con l'avanzare degli anni '50 negli anni '60, il movimento di revival folk ha preso slancio sia in Gran Bretagna che in America.

In gran parte del Canada rurale, la musica folk tradizionale e country erano gli stili musicali predominanti fino agli anni '50, davanti anche al jazz e allo swing popolari in tutto il mondo. Il folk tradizionale ha preso questa predominanza nella prima televisione canadese con molti spettacoli a tema country nelle sue prime onde radio. Tutto intorno al cerchio (1964-1975) ha messo in mostra la musica tradizionale irlandese e inglese di Terranova, per esempio. Ma di gran lunga il più importante di questi era Giubileo di Don Messer (1957-1973), che ha contribuito a colmare il divario tra la gente di campagna rurale e il folk revival che stava emergendo dai caffè urbani e dai folk club. Lo spettacolo ha contribuito a lanciare le carriere dei cantanti folk country Stompin' Tom Connors e Catherine McKinnon.

Il folk revival ha generato la prima ondata folk canadese di artisti di successo internazionale come Gordon Lightfoot, Leonard Cohen, Ian & Sylvia, Neil Young, Joni Mitchell e Buffy Sainte-Marie. [5] Allo stesso tempo, cantautori folk del Quebec come Gilles Vigneault e gruppi come La Bottine Souriante stavano facendo lo stesso nel mondo francofono. Gli artisti folk canadesi di lingua inglese tendevano a spostare gli Stati Uniti per perseguire un pubblico più ampio fino all'introduzione delle cosiddette regole del "contenuto canadese" per la radio e la televisione negli anni '70. Allo stesso tempo, la musica folk canadese è diventata più formalizzata e commercializzata con l'ascesa di festival folk specializzati (a partire dal Miramichi Folksong Festival nel 1958), l'aumento della trasmissione radiofonica su stazioni radio rock, pop e di facile ascolto, l'introduzione del Juno Premio come artista folk dell'anno nel 1971, e persino una rivista accademica the Rivista di musica popolare canadese nel 1973. La metà e la fine degli anni '60 videro le forme fusion del folk (come il folk rock) raggiungere un'importanza mai vista prima dalla musica folk, ma i primi anni '60 furono forse l'apice della prominenza della musica folk non fusion nella scena musicale.

Durante la Depressione, la musica folk rifletteva le realtà sociali di povertà e impotenza della gente comune attraverso testi vernacolarizzati che esprimevano le dure realtà dei tempi difficili e della povertà. Spesso le canzoni appena composte in stile tradizionale da scrittori come Guthrie presentavano anche un tono umoristico e satirico. La maggior parte del pubblico per la musica popolare in quegli anni faceva parte della classe operaia, e molte di queste canzoni esprimevano resistenza all'ordine sociale e rabbia verso il governo. [6]

Principali interpreti di musica folk emersi negli anni '40, '50 e all'inizio degli anni '60 Modifica

Questi includono quanto segue:

    (1912-1967) è stato un cantautore e musicista folk americano, la cui eredità musicale include centinaia di canzoni politiche, tradizionali e per bambini, ballate e opere improvvisate. [7] Si esibiva spesso con lo slogan Questa macchina uccide i fascisti mostrato sulla sua chitarra. La sua canzone più famosa è "This Land Is Your Land". Molte delle sue canzoni registrate sono archiviate nella Library of Congress. [8] Negli anni '30 Guthrie viaggiò con i lavoratori migranti dall'Oklahoma alla California mentre imparava, riscriveva ed eseguiva canzoni tradizionali folk e blues lungo la strada. Molte delle canzoni che ha composto riguardavano le sue esperienze nell'era del Dust Bowl durante la Grande Depressione, guadagnandosi il soprannome di "Dust Bowl Balladeer". [9] Nel corso della sua vita, Guthrie è stato associato a gruppi comunisti degli Stati Uniti, anche se non è mai stato formalmente iscritto al Partito. [10] Guthrie generò il musicista folk americano Arlo Guthrie. Durante i suoi ultimi anni Guthrie è stato una figura di spicco nel movimento folk, fornendo ispirazione a una generazione di nuovi musicisti folk, comprese le relazioni di mentore con Ramblin' Jack Elliott e Bob Dylan. Cantautori come Bob Dylan, Phil Ochs, Bruce Springsteen, Pete Seeger, Joe Strummer e Tom Paxton hanno riconosciuto il loro debito nei confronti di Guthrie come influenza. I membri dell'Almanac Millard Lampell, Lee Hays, Pete Seeger e Woody Guthrie iniziarono a suonare insieme in modo informale nel 1940, gli Almanac Singers furono formati nel dicembre 1940.[10] Hanno inventato uno stile di esecuzione energico e trascinante, basato su quello che ritenevano fosse il meglio della musica country americana per archi, in bianco e nero. Si sono evoluti verso la musica d'attualità controversa. Due dei membri regolari del gruppo, Pete Seeger e Lee Hays, in seguito divennero membri fondatori dei The Weavers. – da giovane, Ives abbandonò il college per viaggiare come cantante itinerante durante i primi anni '30, guadagnandosi la strada facendo lavoretti e suonando il banjo e la chitarra. Nel 1930 ebbe una breve carriera radiofonica locale alla radio WBOW a Terre Haute, nell'Indiana, e negli anni '40 tenne il suo programma radiofonico, intitolato Lo Straniero Viandante, intitolato a una delle ballate popolari che ha cantato. Lo spettacolo era molto popolare e nel 1946 Ives fu scelto come cowboy canoro nel film fumoso. Ives ha continuato a recitare anche in altri film popolari. Il suo primo libro, Lo Straniero Viandante, è stato pubblicato nel 1948. [11] aveva incontrato ed era stato influenzato da molti importanti musicisti folk (e cantautori con radici folk), in particolare Woody Guthrie e Lead Belly. [7] Seeger ebbe coinvolgimenti nel movimento operaio, e incontrò Guthrie a un concerto di lavoratori migranti "Grapes of Wrath" il 3 marzo 1940, e da allora in poi i due iniziarono una collaborazione musicale (che includeva gli Almanac Singers) e poi formarono i Weavers . Come cantautore, Seeger ha scritto o co-autore "Where Have All the Flowers Gone?", "If I Had a Hammer (The Hammer Song)", (composto con Lee Hays dei Weavers), e "Turn, Turn, Turn !", tutti e tre i quali sono stati registrati da molti artisti sia all'interno che all'esterno del movimento folk revival e sono ancora cantati in tutto il mondo. Nel 1948, Seeger scrisse la prima versione del suo ormai classico Come suonare il banjo a cinque corde, un libro di istruzioni a cui molti suonatori di banjo attribuiscono il merito di aver iniziato a suonare lo strumento. Ha registrato, cantato e suonato per più di settant'anni ed è diventato la forza più potente del folk revival americano dopo Guthrie. [12]
    (1898-1975), è stato un compositore di musica popolare a tema storico. Le sue composizioni sono state registrate da una varietà di artisti - la musica di Schmertz è stata coperta da Pete Seeger, che ha definito Schmertz un "bravissimo cantautore", [13] Burl Ives, Tennessee Ernie Ford, [13]Bill e Gloria Gaither, The Statler Brothers , The Cathedrals, Dailey e Vincent, la River City Brass Band e Ernie Haase e Signature Sound. [14] furono formati nel 1947 da Pete Seeger, Ronnie Gilbert, Lee Hays e Fred Hellerman. Dopo aver debuttato al Village Vanguard di New York nel 1948, furono poi scoperti dall'arrangiatore Gordon Jenkins e firmarono con la Decca Records, pubblicando una serie di singoli di successo ma fortemente orchestrati. [15] Le associazioni politiche del gruppo nell'era del Red Scare li costrinsero a sciogliersi nel 1952, si riformarono nel 1955 con una serie di concerti di successo e registrazioni di album su Vanguard Records. Un quinto membro, Erik Darling, a volte si è seduto con il gruppo quando Seeger non era disponibile e alla fine ha sostituito Seeger nei Weavers quando quest'ultimo si è dimesso dal quartetto in una disputa sul suo commercialismo in generale e sul suo accordo specifico per registrare uno spot di sigarette. [16] , [7] cantante pop, attivista. Nel 1952 firma un contratto con la RCA Victor. Il suo album rivoluzionario Calipso (1956) è stato il primo LP a vendere oltre un milione di copie. L'album ha trascorso 31 settimane al numero uno delle classifiche statunitensi. Ha introdotto il pubblico americano alla musica pop di Calypso e Belafonte è stato soprannominato il "Re di Calypso". Belafonte ha continuato a registrare in molti generi, tra cui pop Calypso, folk americano, gospel e altro ancora.
    – Nel 1959, Belafonte recitò in Stasera con Belafonte uno speciale televisivo nazionale che ha presentato Odetta al suo debutto a un pubblico di prima serata. Lei cantò ragazzo dell'acqua e ha eseguito un duetto con Belafonte di C'è un buco nel mio secchio che raggiunse le classifiche nazionali nel 1961. [17] Nel 1953 i cantanti Odetta e Larry Mohr registrarono un LP che fu pubblicato nel 1954 come Odetta e Larry, un album che è stato parzialmente registrato dal vivo al bar Tin Angel di San Francisco. Odetta ha goduto di una lunga e rispettata carriera con un repertorio di canzoni tradizionali e blues fino alla sua morte nel 2009. [17] si è formata nel 1957 nell'area di Palo Alto, in California, da Bob Shane, Nick Reynolds e Dave Guard, che erano appena usciti di collegio. Furono fortemente influenzati dai Weavers, dai suoni calypso di Belafonte e da altri artisti folk semi-pop come i Gateway Singers[7] e i Tarriers. La popolarità senza precedenti e le vendite di album di questo gruppo dal 1957 al 1963 (inclusi quattordici primi dieci e cinque LP numero uno sulla Tabellone classifiche [18]) è stato un fattore significativo nella creazione di un pubblico commerciale e mainstream per la musica in stile folk dove poco era esistito prima della loro comparsa. [19] Il successo del Kingston Trio fu seguito da altri gruppi pop-folk di grande successo, come i Limeliters.
    sono un gruppo di musica folk americana, formato nel luglio 1959 da Lou Gottlieb (basso), Alex Hassilev (baritono) e Glenn Yarbrough (tenore). [20] Il gruppo fu attivo dal 1959 al 1965, anno in cui si sciolsero. Dopo una pausa di sedici anni Yarbrough, Hassilev e Gottlieb si sono riuniti e hanno ricominciato a esibirsi come Limeliters. La sua carriera iniziò nel 1958 a Cambridge, nel Massachusetts, dove a 17 anni tenne il suo primo concerto in un caffè. È stata invitata ad esibirsi alla prima Newport Folk Festival nel 1959 dalla pop star del folk Bob Gibson, [20] dopo di che Baez è stata talvolta chiamata "la Madonna a piedi nudi", guadagnando fama per la sua voce chiara e l'estensione di tre ottave. Ha registrato il suo primo album per una Vanguard Records l'anno successivo - una raccolta di lamenti e ballate folk tradizionali delle isole britanniche, accompagnando le canzoni con la chitarra. La sua seconda uscita in LP è diventata disco d'oro, così come i suoi successivi album (dal vivo). Un disco conteneva la sua interpretazione di una canzone dell'allora sconosciuto Bob Dylan. All'inizio degli anni '60, Baez si trasferì in prima linea nel revival della musica folk americana. Sempre più le sue convinzioni personali – pace, giustizia sociale, anti-povertà – si riflettevano nelle canzoni di attualità che costituivano una parte crescente del suo repertorio, al punto che Baez divenne un simbolo per queste particolari preoccupazioni. iniziata nel 1959 ed emersa all'inizio degli anni '60. Il gruppo ha eseguito un mix di canzoni tradizionali arrangiate in modo creativo e numeri contemporanei che spesso includevano sfumature satiriche e politiche. erano un gruppo "folk collegiale" dei primi anni '60 che ebbe origine alla Wesleyan University e aveva un Tabellone primo successo nel 1961 con "Michael", una versione dello spiritual afroamericanoMichael, rema la barca a terra, e un altro successo nella Top 20 nel 1962 con "Cottonfields". "Michael" ha venduto oltre un milione di copie ed è stato premiato con un disco d'oro. [21][22] sono un gruppo di musica folk fondato da Randy Sparks nel 1961. [23] Hanno registrato oltre 20 album e hanno avuto diversi successi, tra cui "Green, Green", "Saturday Night", "Today", "Denver" e "Questa terra è la tua terra". Il loro album di debutto del 1962, Presentando i nuovi Christy Minstrels ha vinto un Grammy Award e si è seduto nel Tabellone classifiche per due anni. [24] erano un trio di canto folk progressivo americano nei primi anni '60, meglio conosciuto per il disco di successo "Walk Right In".
  • I Serendipity Singers erano un gruppo di nove membri che iniziò all'Università del Colorado e divenne noto a livello nazionale nel 1964 per un approccio fortemente pop alla musica folk. spesso si esibiva e talvolta andava in tournée con Joan Baez, a partire da quando era una cantante di canzoni per lo più tradizionali. Quando Baez ha adottato alcune delle canzoni di Dylan nel suo repertorio e ha persino presentato Dylan al suo pubblico avido, un grande seguito nel circuito folk, ha aiutato il giovane cantautore a ottenere il riconoscimento iniziale. Quando Dylan registrò il suo primo LP (1962) aveva sviluppato uno stile che ricordava Woody Guthrie. [25] Iniziò a scrivere canzoni che catturavano l'atmosfera "progressista" nei campus universitari e nei caffè. Sebbene nel 1964 ci fossero molti nuovi cantanti/cantautori chitarristi, è discutibile che Dylan alla fine sia diventato il più popolare tra questi giovani artisti di revival di musica folk. hanno debuttato nei primi anni '60 ed erano un trio americano che alla fine divenne uno dei più grandi atti musicali degli anni '60. Il trio era composto da Peter Yarrow, Paul Stookey e Mary Travers. Erano uno dei principali tedofori della musica popolare della musica di commento sociale negli anni '60. [20] Con il passare del decennio, la loro musica incorporò più elementi di pop e rock. ha debuttato nei primi anni Sessanta. All'inizio cantava canzoni popolari tradizionali o scritte da altri, in particolare dai cantautori di protesta dell'epoca, come Tom Paxton, Phil Ochs e Bob Dylan. Ha anche registrato le sue versioni di brani importanti del periodo, come "Mr. Tambourine Man" di Dylan, "Turn, Turn, Turn" di Pete Seeger e "Thirsty Boots" di Eric Andersen. , un gruppo australiano di musica folk e pop, si è formato nel 1962. Si è trasferito nel Regno Unito nel 1963 e ha mescolato musica tradizionale, musica folk contemporanea e pop. I Seekers hanno goduto di grande popolarità nel mondo di lingua inglese con canzoni di successo come "I Know I'll Never Find Another You", "A World Of Our Own" e "Georgy Girl".
  • Il duo canadese di Ian Tyson e Sylvia Fricker, che si esibisce come Ian & Sylvia, pubblicò il suo primo album nel 1963. Il duo presentava un mix creativo di canzoni popolari tradizionali americane e canadesi in inglese e francese, nonché composizioni contemporanee di cantautori di Dylan e Paxton, e brani che loro stessi hanno composto come "Four Strong Winds" e "Someday Soon" di Tyson e "You Were On My Mind" di Fricker. , Neil Young ha iniziato la sua carriera negli anni '60. Insieme a Dewey Martin, formarono i Buffalo Springfield. Una miscela di folk, country, psichedelia e rock, resa più incisiva dalle doppie chitarre soliste di Stills e Young, ha reso i Buffalo Springfield un successo di critica e il loro primo disco Buffalo Springfield (1966) vendette bene dopo che la canzone d'attualità di Stills "For What It's Worth" divenne un successo, aiutata dalle armoniche melodiche di Young suonate con la chitarra elettrica.

Dalla metà degli anni '60 ai primi anni '70 Modifica

I grandi cambiamenti musicali, politici, dello stile di vita e della controcultura più associati agli "anni '60" si sono verificati durante la seconda metà del decennio e il primo o due anni degli anni '70. La musica popolare ha subito una relativa rapida evoluzione, espansione e diversificazione allo stesso tempo. Grandi cambiamenti sono avvenuti attraverso l'evoluzione di artisti affermati come Bob Dylan, Joan Baez, Judy Collins, i Seekers e Peter Paul e Mary, e anche attraverso la creazione di nuovi generi fusion con rock e pop. Gran parte di questa evoluzione è iniziata nei primi anni '60 ed è emersa alla ribalta a metà e alla fine degli anni '60. Una performance "crogiolo" per questa evoluzione è stata il Greenwich Village di New York. L'uso di strumenti elettrici da parte di Dylan ha contribuito a inaugurare i generi del folk rock e del country rock, in particolare con il suo album John Wesley Harding. [26] [27]

Questi cambiamenti hanno rappresentato un ulteriore allontanamento dalla musica popolare tradizionale. I Byrds con successi come "Turn! Turn! Turn!" di Seeger. erano emblematici di un nuovo termine folk rock. Barry McGuire lasciò i New Christy Minstrels e registrò "Eve of Destruction" nel 1965. [28] Altri artisti come Simon & Garfunkel e the Mamas & the Papas crearono musica nuova, difficile da classificare, con influenze folk e spesso inclusa nelle discussioni sul folk rock. [26] [29]

Durante questo periodo, il termine "musica di protesta" veniva spesso utilizzato per caratterizzare la musica popolare con temi politici di attualità. La convergenza del movimento per i diritti civili e della musica folk nel campus del college ha portato alla popolarità di artisti come Bob Dylan e la sua musica di protesta. [30] Come cantanti e cantautori folk come Phil Ochs, Buffy Sainte-Marie, Arlo Guthrie e Tom Paxton seguirono le orme di Woody Guthrie, scrivendo "musica di protesta" e canzoni d'attualità ed esprimendo sostegno per varie cause tra cui il movimento americano per i diritti civili e cause contro la guerra associate alla guerra del Vietnam. [31] Canzoni come "Blowin' in the Wind" di Dylan sono diventate un inno per il movimento per i diritti civili, e ha cantato ballate su molti altri temi attuali dell'epoca, come "Hard Rain's Gonna Fall" sulla crisi dei missili a Cuba. Si dice che Dylan abbia detto "ci sono anche altre cose in questo mondo oltre all'amore e al sesso che sono importanti". [30] Un certo numero di artisti che avevano iniziato la loro carriera cantando materiale in gran parte tradizionale, come rappresentato da Joan Baez e Judy Collins, iniziarono a scrivere il proprio materiale.

Gli artisti canadesi Gordon Lightfoot, Leonard Cohen, Bruce Cockburn e Joni Mitchell hanno rappresentato tali fusioni e hanno goduto di grande popolarità negli Stati Uniti, tutti e quattro alla fine sono stati investiti dell'Ordine del Canada. Molte delle band acid rock di San Francisco hanno iniziato suonando folk acustico e blues. Gli spettacoli televisivi di Smothers Brothers presentavano molti artisti folk, incluso l'ex nella lista nera Pete Seeger. [32]

Bonnie Koloc è una cantautrice di musica folk americana con sede a Chicago che ha fatto il suo debutto discografico nel 1971. Nel 1968 Melanie, ha pubblicato il suo primo album nel 1968 con diverse canzoni popolari con una miscela folk/pop.

La metà e la fine degli anni Sessanta videro lo sviluppo del folk rock britannico, con un focus sulle canzoni indigene (europee e, emblematicamente, inglesi). Un momento chiave del folk rock britannico è stata l'uscita dell'album dei Fairport Convention Liegi e Lief. Il chitarrista Richard Thompson dichiarò che la musica della band richiedeva un corrispondente stile "English Electric", mentre il bassista Ashley Hutchings formò gli Steeleye Span per perseguire un repertorio più tradizionale eseguito in stile folk rock. Dopo la sua partenza dal gruppo, Thompson e sua moglie Linda pubblicarono sei album come duo che integravano folk rock e art rock. Il lavoro di Fairport Convention, Pentangle, Alan Stivell e Mr. Fox includeva la elettrificazione delle forme musicali tradizionali.

A partire dagli anni '70, la musica folk è stata alimentata da nuovi cantautori come Steve Goodman, John Prine, Emmylou Harris, Joni Mitchell, John Denver, Harry Chapin e molti altri. Nelle isole britanniche, i Pogues nei primi anni '80 e gli irlandesi The Corrs negli anni '90 hanno riportato i brani tradizionali nelle classifiche degli album. I Corrs sono stati attivi dal 1990 al 2006 e hanno eseguito musica celtica e pop, creando una miscela dei due. Carrie Newcomer è emersa con Stone Soup nel 1984 e si esibisce individualmente dal 1991. Brandi Carlile e Patty Griffin sono artisti folk di spicco intorno al 2019.

Negli anni '80, i Washington Squares suonavano musica folk "ritorno al passato". Suzanne Vega ha eseguito musica folk e di protesta orientata al folk. [33] I Knitters hanno promulgato il cowpunk o folk punk, che alla fine si è evoluto in alt country. Più recentemente lo stesso spirito è stato abbracciato e ampliato da artisti come Miranda Stone e Steve Earle.

Nella seconda metà degli anni '90, ancora una volta, la musica folk ha avuto un impatto sulla musica mainstream attraverso una generazione più giovane di artisti come Eliza Carthy, Kate Rusby e Spiers e Boden. Il gruppo folk più venduto in Canada degli anni '90 e 2000 è stato il Great Big Sea, dalle tinte rock celtiche di Terranova, che ha avuto quattro album certificati platino in Canada.

Gruppi folk metal come Korpiklaani, Skyclad, Waylander, Ensiferum, Ithilien e Finntroll fondono elementi di un'ampia varietà di tradizioni, inclusi in molti casi strumenti come violini, fischietti, fisarmoniche e cornamuse. Il folk metal spesso predilige temi di ispirazione pagana.

Il vichingo metal è definito nella sua posizione folk, incorporando interludi folk negli album (ad esempio, Bergtatt e Kveldssanger, i primi due album della band un tempo folk metal, ora sperimentale Ulver). Mumford & Sons, una band folk rock e indie folk si è formata nel 2007 e ha raggiunto la ribalta nel 2010. Gli Shenandoah Run si sono formati nel 2011 per portare la musica folk americana contemporanea degli anni '60 agli ascoltatori moderni. [34]

Sottogeneri speciali Modifica

La Filk music può essere considerata musica folk dal punto di vista stilistico e culturale (sebbene la "comunità" da cui è nata, il fandom di fantascienza, sia insolita e completamente moderna). [35] Il Neofolk iniziò negli anni '80, fondendo la musica popolare europea tradizionale con la musica post-industriale, argomenti storici, commenti filosofici, canzoni tradizionali e paganesimo. Il genere è in gran parte europeo ma influenza anche altre regioni. La musica folk pagana è prominente in Germania, Regno Unito, paesi scandinavi e paesi slavi con cantanti come David Smith (Aka Damh il bardo) e gruppi come Danheim, Faun, Omnia, Wardruna e Arkona. La maggior parte delle band unisce il genere folk ad altri generi musicali come il metal o l'elettronica. [36]

L'anti folk è nato a New York negli anni '80. Il folk punk, conosciuto agli inizi come rogue folk, è una fusione di musica folk e punk rock. È stato lanciato per la prima volta dalla band irlandese The Pogues con sede a Londra negli anni '80. La musica folk industriale è una caratterizzazione della musica folk normalmente indicata sotto altri generi e copre la musica di o su ambienti e argomenti industriali, inclusa la musica di protesta correlata.

Musica folk elettronica Modifica

Musica che mescola elementi di musica popolare ed elettronica, o "folktronica", [37] (o "elettronica etnica") che prevede l'uso di strumenti acustici con influenze e scelte di suoni variabili. [37] [38] [ verifica necessaria ] Il compagno di ricerca di Ashgate per la musicologia popolare descrive la folktronica come "un termine [termine] per tutti i tipi di artisti che hanno combinato ritmi di danza meccanica con elementi di rock acustico o folk". [39]

L'album del 1993 Ogni uomo e ogni donna è una stella degli Ultramarine è accreditato come un capostipite della nuova musica, presentava un suono pastorale e incorporava strumenti tradizionali come violino e armonica con elementi techno e house. [40] Secondo L'enciclopedia della musica moderna del Sunday Times Culture, album essenziali del genere sono Four Tet's Pausa (2001), Tunng's La figlia della mamma e altre canzoni (2005), e Caribou's Il latte della gentilezza umana (2005). [41]

Altri atti folk elettronici influenzati dal "worldbeat" includono Bryn Jones con il suo progetto Muslimgauze (prima della sua morte nel 1999), gli artisti del movimento underground asiatico (Cheb i Sabbah, Asian Dub Foundation, Joi, State of Bengal, Transglobal Underground, Natacha Atlas) , Shpongle, Home Sweet Somewhere, Mavka (gruppo ucraino), Ott, Zavoloka, Linda George, Banco de Gaia, AeTopus, Zingaia, Afro-Celt Sound System, Métisse, A Tribe Called Red, primi lavori di Yat-Kha (con Ivan Sokolovskij [42]).

Gente di campagna Modifica

gente di campagna come etichetta di genere è piuttosto nebulosa, ma è stata utilizzata spesso almeno dalla metà degli anni '70.Per gli appassionati appassionati, la categoria comprende in gran parte le opere di cantautori contemplativi post-Dylan, che sono stati influenzati dai suoni country rock di lui e di altri artisti della fine degli anni '60 e '70, ma che, registrando leggermente più tardi, hanno preferito un suono più gentile e più suono acustico dominante che ha permesso di concentrarsi sui testi. L'elemento significativo che distingue il "country folk" dalla musica "folk" nelle registrazioni dei contemporanei di Dylan negli anni '60 è stata la riammissione della strumentazione di musica country e bluegrass - mandolino, banjo, violino e chitarre d'acciaio resofoniche ed elettriche - nel mescolare il successo del country rock con il pubblico urbano aveva aperto la strada a questo ibrido. Per gli appassionati, vedere il folk country come un sottogenere del country è impreciso, in quanto non è principalmente rivolto a un pubblico di musica country.

Alcuni degli artisti folk country definitivi dei primi anni includono John Prine, Kate Wolf e Nanci Griffith, tutti cantautori con testi premurosi i cui arrangiamenti sono supportati dagli strumenti di cui sopra. Negli anni '80, etichette discografiche come Rounder e Sugar Hill si specializzarono nella registrazione di artisti folk country

La categoria si sovrappone alle traiettorie post-country rock di altri artisti che si sono allontanati dal mercato mainstream quando le fortune del country rock sono diminuite alla fine degli anni '70. Emmylou Harris si trasferì nel country neo-tradizionalista, Chris Hillman nel bluegrass progressivo, il duo dell'armonia dei fratelli (con Herb Pedersen) e il revival di Bakersfield. All'inizio degli anni '90, questi suoni, così come altri, avrebbero ispirato amalgami musicali classificati come musica country alternativa e americana, ma il "country folk" continua ad essere utilizzato per i suoni più gentili di cantanti come Iris DeMent e Gillian Welch.

Anche durante gli anni '70, poiché i suoni acustici e primitivi della musica country del folk lo distinguevano dagli altri stili di musica per cantautori successivi agli anni '60, aveva vari gradi di sovrapposizioni con i suoni della musica country progressiva (come Kris Kristofferson, Townes Van Zandt, Guy Clark), country fuorilegge (Billy Joe Shaver, Waylon Jennings, Willie Nelson, Johnny Cash), bluegrass progressivo (album di Tony Rice Cold on the Shoulder e Native American), e altre registrazioni con influenze country rock ( Tom Rush's Tom Rush e Contea di Merrimack e il catalogo degli anni '70 di Gordon Lightfoot e Jimmy Buffett). Tuttavia, nessuno di questi è stato specificamente commercializzato o ricevuto come "popolo di campagna". Tuttavia, le successive registrazioni low-key, a dominanza acustica, country di questi e di molti altri artisti precedenti sono state a volte definite in modo approssimativo, ma non impreciso, come country folk da alcune fonti.

Più recentemente, la maggior parte degli artisti la cui musica potrebbe essere classificata come country folk trova la sua casa nel genere americano, tra cui Brandi Carlile, Jason Isbell, Parker Millsap, Patty Griffin e Amanda Shires, con diversi artisti descritti in modo intercambiabile sia come folk che come americana. artisti, in particolare Sarah Jarosz che ha ricevuto Grammy Awards in entrambe le categorie di genere.

In Europa, il termine "folk" è usato solo per uno speciale genere moderno (il folk tradizionale è chiamato folklore o musica nazionale).

La musica popolare ceca è influenzata dalla musica tradizionale ceca e dai cantautori, dalla musica "tramping", così come dalla musica country e folk contemporanea in lingua inglese, spiritual e tradizionali, bluegrass, chanson ecc. Nella seconda metà del 20 ° secolo, tutti i generi simili coesistevano come un multigenere di protesta, in contrasto con la musica pop ufficiale, con la musica rock ecc. Dal 1967, il festival "Porta" divenne il centro di questo genere, originariamente definito come un festival di country & western & tramping musica. Le chitarre acustiche erano lo strumento più tipico per tutti loro.


Contenuti

I primi anni Modifica

Il revival popolare a New York City era radicato nel risorto interesse per le danze di piazza e le danze popolari negli anni '40, sposate da istruttori come Margot Mayo, che diedero visibilità a musicisti come Pete Seeger. [2] [3] [4] Il folk revival più in generale come fenomeno popolare e commerciale inizia con la carriera dei The Weavers, formati nel novembre 1948 da Pete Seeger, Lee Hays, Fred Hellerman e Ronnie Gilbert dei People's Songs, di quale Seeger era stato presidente e segretario esecutivo di Hays. People's Songs, che si sciolse nel 1948-49, era stata una stanza di compensazione per le canzoni del movimento operaio (e in particolare, il CIO, che all'epoca era uno dei pochi se non l'unico sindacato integrato razzialmente), e nel 1948 aveva investito tutte le sue risorse nella fallita campagna presidenziale del candidato del Partito Progressista Henry Wallace, un appassionato di musica folk (il suo candidato alla corsa era un cantante-chitarrista di musica country). Hays e Seeger avevano precedentemente cantato insieme come attivista politico Almanac Singers, un gruppo che fondarono nel 1941 e il cui personale includeva spesso Woody Guthrie, Josh White, Lead Belly, Cisco Houston e Bess Lomax Hawes. I Weavers ebbero un grande successo nel 1950 con il singolo di "Goodnight, Irene" di Lead Belly. Questo è stato il numero uno nelle classifiche di Billboard per tredici settimane. [5] Il rovescio della medaglia era "Tzena, Tzena, Tzena", una canzone dance israeliana che contemporaneamente raggiunse il numero due delle classifiche. Questa è stata seguita da una serie di singoli di successo di Weaver che hanno venduto milioni, tra cui ""So Long It's Been Good to Know You" ("Dusty Old Dust") (di Woody Guthrie) e "Kisses Sweeter Than Wine". si è conclusa bruscamente quando sono stati eliminati dal catalogo di Decca perché Pete Seeger era stato elencato nella pubblicazione Red Channels come un probabile sovversivo. Le stazioni radio si sono rifiutate di riprodurre i loro dischi e le sale da concerto hanno annullato i loro impegni. Un ex dipendente di People's Songs, Harvey Matusow, stesso un ex membro del Partito Comunista, aveva informato l'FBI che anche i Weavers erano comunisti, sebbene Matusow in seguito avesse ritrattato e ammesso di aver mentito.Pete Seeger e Lee Hays furono chiamati a testimoniare davanti al Comitato per le attività antiamericane della Camera nel 1955. Nonostante ciò , un concerto di reunion di Christmas Weaver organizzato da Harold Leventhal nel 1955 fu un successo strepitoso e l'album Vanguard LP di quel concerto, pubblicato nel 1957, fu uno dei più venduti di quell'anno, seguito da altri s album di successo.

La musica folk, che spesso portava lo stigma delle associazioni di sinistra durante il Red Scare degli anni '50, fu portata sottoterra e portata avanti da una manciata di artisti che pubblicavano dischi. Esclusi dagli sbocchi tradizionali, artisti come Seeger furono limitati a esibirsi nelle scuole e nei campi estivi, e la scena della musica folk divenne un fenomeno associato al bohémien vagamente ribelle in luoghi come New York (soprattutto Greenwich Village), North Beach e nel college e distretti universitari di città come Chicago, Boston, Denver e altrove.

Ron Eyerman e Scott Baretta ipotizzano che:

[I] t è interessante considerare che se non fosse stato per le esplicite simpatie politiche dei Weavers e di altri cantanti folk o, in un altro modo di vederlo, l'isterico anticomunismo della Guerra Fredda, la musica folk avrebbe molto probabilmente entrò nella cultura americana tradizionale con una forza ancora maggiore all'inizio degli anni '50, forse rendendo superflua la seconda ondata di revival quasi un decennio dopo [vale a dire, negli anni '60]. [6]

Il blackout mediatico di artisti con presunte simpatie o legami comunisti è stato così efficace che Israel Young, un cronista del Folk Revival degli anni '60, ed è stato attratto dal movimento attraverso un interesse per la danza popolare, ha comunicato a Ron Eyerman che lui stesso non era a conoscenza per molti anni degli anni '30 e '40 del movimento antecedenti nell'attivismo politico di sinistra. [7]

All'inizio e alla metà degli anni '50, le canzoni popolari accompagnate dalla chitarra acustica erano per lo più ascoltate nei caffè, nelle feste private, nei concerti all'aperto e nei cori, hootenannies e ai concerti dei campus universitari. Spesso associata al dissenso politico, la musica folk ora si fondeva, in una certa misura, con la cosiddetta scena beatnik e cantanti dedicati di canzoni popolari (oltre a materiale originale influenzato dal folk) viaggiavano attraverso quello che veniva chiamato "il circuito dei caffè". negli Stati Uniti e in Canada, sede anche di cool jazz e recitazioni di poesie beatnik altamente personali. Due cantanti degli anni '50 che hanno cantato materiale folk ma sono passati al mainstream erano Odetta e Harry Belafonte, entrambi i quali hanno cantato materiale Lead Belly e Josh White. Odetta, che si era formata come cantante d'opera, ha eseguito blues tradizionali, spiritual e canzoni di Lead Belly. Belafonte ha avuto successi con materiale calypso giamaicano e la ballata sentimentale simile a una canzone popolare "Scarlet Ribbons" (composta nel 1949).

Il risveglio al suo apice Modifica

Il Kingston Trio, un gruppo originario della costa occidentale, si è ispirato direttamente ai Weavers nel loro stile e presentazione e ha coperto parte del materiale dei Weavers, che era prevalentemente tradizionale. Il Kingston Trio ha evitato canzoni apertamente politiche o di protesta e ha coltivato una personalità netta e collegiale. Furono scoperti mentre suonavano in un club universitario chiamato Cracked Pot da Frank Werber, che divenne il loro manager e si assicurò loro un contratto con la Capitol Records. Il loro primo successo fu un'interpretazione accattivante di una ballata folk dei vecchi tempi, "Tom Dooley", che era stata cantata al concerto funebre di Lead Belly. Questo divenne disco d'oro nel 1958 e vendette più di tre milioni di copie. Il successo dell'album e del singolo valse al Kingston Trio un Grammy Award per la migliore performance country e western alla cerimonia inaugurale dei premi nel 1959. A quel tempo, non esisteva alcuna categoria di musica folk nello schema del Grammy. L'anno successivo, in gran parte a causa di Il Kingston Trio album e "Tom Dooley", [8] la National Academy of Recording Arts and Sciences istituì una categoria folk e il Trio vinse il primo Grammy Award per la migliore registrazione etnica o folk tradizionale per il suo secondo album in studio In generale. Ad un certo punto, il Kingston Trio aveva quattro dischi contemporaneamente tra i primi 10 album più venduti per cinque settimane consecutive a novembre e dicembre 1959 secondo Tabellone classifica dei "Top LP" della rivista, un record ineguagliato da più di 50 anni [9] [10] [11] [12] [13] [14] e segnalato all'epoca da una storia di copertina in Vita rivista. L'enorme successo commerciale del Kingston Trio, le cui registrazioni tra il 1958 e il 1961 hanno fruttato più di 25 milioni di dollari per i dischi della Capitol [15] o circa 220 milioni di dollari nel 2021, [16] ha generato una miriade di gruppi simili per certi aspetti come i Brothers Four, Peter, Paul and Mary, The Limeliters, The Chad Mitchell Trio, The New Christy Minstrels e molti altri. Come notato dal critico Bruce Eder nel Guida a tutta la musica, la popolarità della versione commercializzata della musica popolare rappresentata da questi gruppi ha incoraggiato le case discografiche a firmare, registrare e promuovere artisti con sensibilità più tradizionaliste e politiche. [17]

La popolarità del Kingston Trio sarebbe stata seguita da quella di Joan Baez, il cui album di debutto Joan Baez, raggiunse la top ten alla fine del 1960 e rimase nelle classifiche di Billboard per oltre due anni. I primi album di Baez contenevano per lo più materiale tradizionale come la ballata scozzese "Mary Hamilton", così come molte cover di ballate malinconiche che erano apparse in Harry Smith's Antologia di musica popolare americana, come "The Wagoner's Lad" e "The Butcher Boy". Tuttavia, non ha cercato di imitare lo stile di canto del suo materiale di partenza, ma ha usato un ricco soprano con vibrato. La sua popolarità (e quella del folk revival stesso) metterebbe Baez sulla copertina di Tempo rivista nel novembre 1962. Baez, a differenza del Kingston Trio, era apertamente politico e, mentre il movimento per i diritti civili prendeva piede, si alleò con Pete Seeger, Guthrie e altri. Era una delle cantanti, insieme a Seeger, Josh White, Peter, Paul e Mary e Bob Dylan, che apparve alla Marcia su Washington di Martin Luther King del 1963 e cantò "We Shall Overcome", una canzone che era stata introdotta da People's Songs . In quell'occasione era presente anche Harry Belafonte, insieme a Odetta, che Martin Luther King presentò come "la regina della musica popolare", quando cantò "Oh, Freedom" (Odetta canta canzoni popolari è stato uno degli album folk più venduti del 1963). Erano presenti anche gli SNCC Freedom Singers, il cui personale ha poi formato gli Sweet Honey in the Rock.

Il ruolo fondamentale svolto da Freedom Songs nelle campagne di registrazione degli elettori, nelle cavalcate per la libertà e nei sit-in al banco del pranzo durante il Movimento per i diritti civili della fine degli anni '50 e dei primi anni '60 nel Sud, ha dato alla musica popolare una nuova visibilità e prestigio. [18] Il movimento pacifista fu anche energizzato dall'ascesa della Campagna per il disarmo nucleare nel Regno Unito, che protestava contro i test britannici della bomba H nel 1958, nonché dalla sempre crescente corsa agli armamenti e dalla sempre più impopolare guerra del Vietnam . Il giovane cantautore Bob Dylan, che suonava la chitarra acustica e l'armonica, era stato firmato e registrato per la Columbia dal produttore John Hammond nel 1961. Il disco di Dylan godette di una certa popolarità tra gli appassionati di musica folk del Greenwich Village, ma fu "scoperto" da un immensamente più grande pubblico quando un gruppo di musica pop-folk, Peter, Paul & Mary ha avuto un successo con una cover della sua canzone "Blowin' in the Wind". Peter, Paul & Mary hanno anche portato "If I Had a Hammer" di Pete Seeger e The Weavers al pubblico nazionale, oltre a cover di brani di altri artisti come Dylan e John Denver.

Non passò molto tempo prima che la categoria della musica popolare arrivasse a includere materiale meno tradizionale e creazioni più personali e poetiche di singoli artisti, che si definivano "cantautori". Come risultato del successo finanziario di artisti folk commerciali di alto profilo, le case discografiche iniziarono a produrre e distribuire dischi di una nuova generazione di revival folk e cantautori: Phil Ochs, Tom Paxton, Eric von Schmidt, Buffy Sainte-Marie, Dave Van Ronk, Judy Collins, Tom Rush, Fred Neil, Gordon Lightfoot, Billy Ed Wheeler, John Denver, Arlo Guthrie, Harry Chapin, John Hartford e altri, tra questi. Parte di questa ondata era emersa dalle tradizioni di canto e gioco della famiglia, altre no. Questi cantanti si vantavano spesso di eseguire materiale tradizionale imitando lo stile dei cantanti di origine che avevano scoperto, spesso ascoltando la celebre compilation LP di Harry Smith di registrazioni commerciali dimenticate o oscure a 78 giri "race" e "hillbilly" degli anni '20 e Anni '30, l'Antologia Folkways di musica popolare americana (1951). Alcuni degli artisti che avevano realizzato queste vecchie registrazioni erano ancora molto vivi ed erano stati "riscoperti" e portati al 1963 e al 64 Newport Folk Festival. Uno di questi, Clarence Ashley, ad esempio, introdusse i revivalisti folk alla musica di suoi amici che suonavano ancora attivamente musica tradizionale, come Doc Watson e The Stanley Brothers.

Archivisti, collezionisti e registrazioni riemesse Modifica

Durante gli anni '50, la crescente folla di musica folk che si era sviluppata negli Stati Uniti iniziò ad acquistare dischi di musicisti tradizionali più anziani delle colline del sud-est e dei centri urbani. Nuove compilation di LP di registrazioni commerciali di corse e hillbilly in studio a 78 giri risalenti agli anni '20 e '30 sono state pubblicate dalle principali etichette discografiche. Il mercato in espansione dei dischi LP ha aumentato la disponibilità di registrazioni di musica folk originariamente realizzate da John e Alan Lomax, Kenneth S. Goldstein e altri collezionisti durante l'era del New Deal degli anni '30 e '40. Piccole etichette discografiche, come la Yazoo Records, sono cresciute per distribuire vecchie registrazioni ristampate e per fare nuove registrazioni dei sopravvissuti tra questi artisti. Questo è stato il modo in cui il pubblico americano bianco urbano degli anni '50 e '60 ha sentito per la prima volta il country blues e in particolare il Delta blues che era stato registrato da artisti folk del Mississippi 30 o 40 anni prima.

Nel 1952, la Folkways Records pubblicò il Antologia di musica popolare americana, compilato dall'antropologo e regista sperimentale Harry Smith. Il Antologia comprendeva 84 canzoni di artisti country e blues tradizionali, inizialmente registrate tra il 1927 e il 1932, ed è stato accreditato per aver reso una grande quantità di materiale prebellico accessibile ai musicisti più giovani. (Il Antologia è stato ripubblicato su CD nel 1997, e Smith è stato tardivamente presentato con un Grammy Award per il suo successo nel 1991.) [19]

Artisti come la famiglia Carter, Robert Johnson, Blind Lemon Jefferson, Clarence Ashley, Buell Kazee, Uncle Dave Macon, Mississippi John Hurt e gli Stanley Brothers, così come Jimmie Rodgers, il reverendo Gary Davis e Bill Monroe hanno avuto qualcosa più di una reputazione regionale o etnica. Il revival ha rivelato un'enorme ricchezza e diversità di musica e l'ha diffusa attraverso programmi radiofonici e negozi di dischi.

Anche i rappresentanti viventi di alcune delle varie tradizioni regionali ed etniche, inclusi artisti più giovani come il cantante tradizionale del sud Jean Ritchie, che aveva iniziato a registrare negli anni '40, godettero di una rinascita di popolarità grazie alla scoperta di questa musica da parte degli appassionati e apparivano regolarmente al feste popolari.

Musica folk etnica Modifica

Anche la musica folk etnica di altri paesi ha avuto un boom durante il revival popolare americano. Gli artisti etnici di maggior successo del revival furono i cantanti folk del Greenwich Village, The Clancy Brothers e Tommy Makem, che Tabellone rivista elencata come l'undicesimo musicista folk più venduto negli Stati Uniti. [20] Il gruppo, che consisteva di Paddy Clancy, Tom Clancy, Liam Clancy e Tommy Makem, cantava prevalentemente in lingua inglese, canzoni popolari irlandesi, così come una canzone occasionale in gaelico irlandese. Paddy Clancy ha anche fondato e diretto l'etichetta di musica folk Tradition Records, che ha prodotto il primo LP solista di Odetta e inizialmente ha portato Carolyn Hester alla ribalta nazionale. [21] Pete Seeger suonò il banjo nel loro album del 1961, nominato ai Grammy, Una registrazione spontanea delle prestazioni, [22] [23] e Bob Dylan in seguito citarono il gruppo come una grande influenza su di lui. [24] I Clancy Brothers e Tommy Makem hanno anche innescato un boom della musica folk in Irlanda a metà degli anni '60, illustrando gli effetti mondiali del revival della musica folk americana. [25] [26] [27] [28] [29]

Libri come il popolare best seller, the Libro di canti popolari al caminetto (1947), che contribuì al revival delle canzoni popolari, presentava del materiale in lingue diverse dall'inglese, tra cui tedesco, spagnolo, italiano, francese, yiddish e russo.I repertori di Theodore Bikel, Marais e Miranda e Martha Schlamme includevano anche materiale ebraico ed ebraico, oltre all'afrikaans. Il primo grande successo degli Weavers, il rovescio della medaglia di "Good Night Irene" di Lead Belly, e un best seller a sé stante, era in ebraico ("Tzena, Tzena, Tzena") e loro, e più tardi Joan Baez, che era di Di origini spagnole, occasionalmente includevano materiale in lingua spagnola nei loro repertori, così come canzoni dall'Africa, dall'India e altrove.

Il revival della musica popolare orientato al commercio come esisteva nei caffè, nelle sale da concerto, alla radio e alla TV era prevalentemente un fenomeno di lingua inglese, sebbene molti dei principali gruppi pop-folk, come il Kingston Trio, Peter, Paul e Mary , The Chad Mitchell Trio, The Limeliters, The Brothers Four, The Highwaymen e altri, presentavano canzoni in spagnolo (spesso dal Messico), lingue polinesiane, russo, francese e altre lingue nelle loro registrazioni ed esibizioni. Questi gruppi hanno anche cantato molte canzoni in lingua inglese di origine straniera.

Il rock include il folk Modifica

L'invasione britannica della metà degli anni '60 ha contribuito a porre fine alla popolarità mainstream della musica folk americana poiché un'ondata di band britanniche ha travolto la maggior parte della scena musicale americana, incluso il folk. Ironia della sorte, le radici della British Invasion erano nel folk americano, in particolare una variante nota come skiffle resa popolare da Lonnie Donegan, tuttavia, la maggior parte delle band di British Invasion erano state ampiamente influenzate dal rock and roll quando la loro musica aveva raggiunto gli Stati Uniti e somigliava poco alle sue origini popolari.

Dopo che Bob Dylan iniziò a registrare con una sezione ritmica rock e strumenti elettrici nel 1965 (vedi Polemiche su Dylan elettrico), molti altri artisti folk ancora giovani hanno seguito l'esempio. Nel frattempo, gruppi come The Lovin' Spoonful e The Byrds, i cui singoli membri avevano spesso un background nella scena dei caffè folk-revival, stavano ottenendo contratti di registrazione con musica folk suonata con una formazione rock. In poco tempo, l'appetito del pubblico per la musica più acustica del folk revival iniziò a scemare.

I successi "crossover" ("canzoni popolari" che sono diventate elementi fondamentali della scena musicale rock) sono accaduti di tanto in tanto. Un esempio ben noto è la canzone "Hey Joe", protetta da copyright dell'artista folk Billy Roberts, e registrata dal cantante/chitarrista rock Jimi Hendrix proprio mentre stava per esplodere nella celebrità nel 1967. L'inno "Woodstock", che è stato scritto e cantata per la prima volta da Joni Mitchell mentre i suoi dischi erano ancora quasi interamente acustici e mentre era etichettata come "cantante folk", divenne un singolo di successo per Crosby, Stills, Nash e Young quando il gruppo registrò una versione rock completa.

Modifica legacy

Alla fine degli anni '60, la scena era tornata ad essere più un fenomeno di basso livello e di appassionati, sebbene durante questo periodo fossero stati istituiti festival annuali di musica acustica considerevoli in molte parti del Nord America. La scena dei caffè di musica acustica è sopravvissuta in scala ridotta. Attraverso i luminari giovani cantautori degli anni '60, il revival della musica folk americana ha influenzato la scrittura di canzoni e gli stili musicali in tutto il mondo.


Bob Shane, l'ultimo dell'originale Kingston Trio, muore a 85 anni

Il gruppo ha guidato un revival folk di successo commerciale tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60, con il signor Shane che cantava come protagonista per la maggior parte del tempo.

Bob Shane, l'ultimo membro originale sopravvissuto del Kingston Trio, le cui armonie lisce e ravvicinate hanno contribuito a trasformare la musica folk da un polveroso genere di nicchia in un marchio dominante di musica pop negli anni '50 e '60, è morto domenica a Phoenix. Aveva 85 anni.

Craig Hankenson, il suo agente di lunga data, ha confermato la morte, in una struttura di ospizio.

Mr. Shane, il cui whisky baritono era la voce più identificabile del gruppo in successi come "Tom Dooley" e "Scotch and Soda", ha cantato come protagonista in oltre l'80% delle canzoni del Kingston Trio.

Non è sopravvissuto solo agli altri membri originali, Dave Guard, morto nel 1991, e Nick Reynolds, morto nel 2008, alla fine ha anche preso la proprietà del nome del gruppo e ha dedicato la sua vita a varie incarnazioni del trio, dalla sua fondazione dal 1957 al 2004, quando un infarto lo costrinse a interrompere il tour.

Lungo la strada, il trio ha guidato una reinvenzione del folk come fenomeno giovanile dei mass media al suo apice, nel 1959, il gruppo ha inserito quattro album nella Top 10 contemporaneamente. In tournée nel 21° secolo, il Kingston Trio è rimasto una presenza nostalgica per i suoi fan, attirando molti al suo annuale Trio Fantasy Camp a Scottsdale, in Arizona.

Mr. Shane è nato Robert Castle Schoen il 1 febbraio 1934, a Hilo, nelle Hawaii, da Arthur Castle Schoen e Margaret (Schaufelberger) Schoen. Suo padre, i cui antenati tedeschi si erano stabiliti alle Hawaii nel 1890, era un distributore all'ingrosso di successo di giocattoli e articoli sportivi. Sua madre, di Salt Lake City, incontrò il suo futuro marito quando entrambi erano studenti alla Stanford University negli anni '20.

A Hilo, il padre del signor Shane aveva pianificato che Bob rilevasse l'azienda di famiglia. Ma alla scuola privata Punahou di Honolulu, Bob ha imparato l'ukulele e le canzoni delle isole polinesiane e ha incontrato il signor Guard, con il quale ha formato un duetto.

Dopo il liceo, Mr. Shane, Mr. Reynolds e Mr. Guard occasionalmente giocavano insieme mentre frequentavano il college nel nord della California: Mr. Shane e Mr. Reynolds al Menlo College e Mr. Guard nelle vicinanze a Stanford.

Dopo essersi laureato nel 1956, Shane è tornato alle Hawaii per imparare l'attività di famiglia, ma si è trovato più attratto dalla musica. Come ha raccontato, si è esibito come "il primo imitatore di Elvis" e ha annoverato la musica hawaiana, Hank Williams, Harry Belafonte e i Weavers tra le sue influenze.

Un anno dopo, quando Mr. Guard e Mr. Reynolds decisero di intraprendere una carriera musicale professionale, Mr. Shane si unì a loro e tornò in California, dove nacque il Kingston Trio, nel 1957. Il nome, un riferimento a Kingston , Giamaica, doveva evocare la musica calypso, che era popolare allora. I membri trasudavano uno stile collegiale giovanile e pulito, esemplificato dal loro look distintivo: camicie Oxford colorate a righe verticali.

Un anno dopo, il primo album del trio, su Capitol Records, includeva una versione sbarazzina di una ballata basata sull'omicidio nel 1866 di una donna della Carolina del Nord e l'impiccagione di un povero ex soldato confederato per il crimine. La canzone, "Tom Dooley", è salita al n. 1 nelle classifiche dei singoli, vendendo tre milioni di copie e facendo guadagnare al trio un Grammy Award per la migliore performance country e western. (All'epoca non esisteva una categoria Grammy per il folk.)

Dalla sua fondazione al 1965, il gruppo ha avuto 14 album nella Top 10 di Billboard, cinque dei quali hanno raggiunto il numero 1. Ha ispirato decine di imitatori e, per un periodo, è stato probabilmente il gruppo musicale più popolare al mondo. John Stewart ha sostituito il signor Guard nel 1961. (Il signor Stewart è morto nel 2008.)

L'accoglienza critica del Kingston Trio non ha eguagliato il suo successo popolare. A molti puristi del folk, il trio stava vendendo un mix annacquato di folk e pop che commercializzava l'autentica musica folk di innumerevoli sconosciuti raccoglitori degli Appalachi. E memori del modo in cui musicisti folk come Pete Seeger erano stati inseriti nella lista nera durante l'era McCarthy, altri si sono lamentati del fatto che il tipo di folk ottimista e anodino del trio ha tradito la musica di sinistra e populista di pionieri come Woody Guthrie e Cisco Houston.

I membri del trio hanno affermato di essersi consapevolmente evitati di materiale politico come un modo per mantenere l'accettazione del mainstream. Inoltre, ha detto il signor Shane, i puristi del folk stavano usando il metro sbagliato.

"Chiamare i cantanti folk del Kingston Trio è stato un po' stupido in primo luogo", ha detto. "Non ci siamo mai chiamati cantanti folk". Ha aggiunto: "Abbiamo realizzato materiale orientato al folk, ma lo abbiamo fatto in mezzo a tutti i tipi di altre cose".

In effetti, alcuni dei momenti migliori di Mr. Shane, come la ballata fumosa dell'ora di un cocktail "Scotch and Soda", non avevano nulla a che fare con il folk. Nel 1961, Ervin Drake scrisse "It Was a Very Good Year" per Mr. Shane. L'ha cantata con il trio molto prima che Frank Sinatra ne facesse una delle sue registrazioni classiche.

Tuttavia, più di qualsiasi altro gruppo del suo tempo, il Kingston Trio ha catturato l'ottimismo giovanile degli anni di Kennedy. La canzone del titolo di un album del 1962 era "The New Frontier", riecheggiando la frase del presidente John F. Kennedy e alludendo al suo discorso inaugurale con il testo "Lascia che la parola passi da questo giorno in poi/È nata una nuova generazione".

Più o meno nello stesso periodo, il trio ha avuto un successo improbabile con il tipo di materiale che aveva evitato: la canzone contro la guerra di Mr. Seeger "Where Have All the Flowers Gone?"

Ma a quel punto il trio era sul punto di essere soppiantato come volto del folk da una nuova generazione di cantanti più duri come Bob Dylan, Phil Ochs e Joan Baez, e da quelli più alla moda come Peter, Paul e Mary. Poi l'arrivo dell'invasione britannica e l'ascesa del rock emarginarono completamente il gruppo.

Nel corso del tempo, altri, tra cui Mr. Dylan e Ms. Baez, hanno dato al gruppo più credito per aver reso popolare la musica folk e per aver fatto da ponte verso il folk, il folk-rock e il rock più avventurosi degli anni '60.

Come ha scritto la signora Baez nel suo libro di memorie "And a Voice to Sing With" (1987): "Prima di trasformarmi in uno snob e imparare a guardare dall'alto in basso tutta la musica folk commerciale come imbastardita e empia, amavo il Kingston Trio. Quando sono diventato uno dei principali praticanti del "folk puro", li amavo ancora".

Gli ammiratori del signor Shane hanno affermato che i suoi talenti non sono mai stati pienamente riconosciuti.

"Bob Shane è stato, secondo me, uno dei cantanti più sottovalutati nella storia della musica americana", ha detto George Grove, membro del trio dal 1976, in una e-mail nel 2015. "La sua voce era la voce, non solo del Kingston Trio ma di un'era di narrazione musicale.”

Il gruppo si sciolse nel 1967, ma dopo un breve periodo come artista solista Mr. Shane tornò, prima con quello che fu annunciato come il New Kingston Trio, poi con varie formazioni del Kingston Trio.

Il signor Shane, anche per gli standard salutari del gruppo, si è distinto ed è stato annunciato, quasi sul serio, come il sex symbol del trio. Nel corso degli anni i suoi capelli sono passati da ordinati da confratello a una criniera nivea, ma è rimasto congenitamente ottimista, come un giocatore d'azzardo abituato a disegnare mani vincenti.

Dopo il ritiro, il signor Shane ha vissuto a Phoenix in una casa piena di dischi d'oro e cimeli del Kingston Trio. Appassionato di auto e moto da cross, colleziona anche chitarre Martin e opere d'arte.

Lascia sua moglie, Bobbi (Bambina) Shane cinque figli da un precedente matrimonio, a Louise Brandon: Jody Shane Beale, Susan Shane Gleeson, Inman Brandon Shane, Robin Castle Shane e Jason McCall Shane e otto nipoti.

"La cosa di cui sono più orgoglioso accanto ai miei figli è che ho suonato dal vivo con oltre 10.000.000 di persone", ha detto sul sito web del gruppo.

Anche dopo il suo ritiro, ha ancora trovato il modo di esibirsi.

"Ogni tanto qualcuno mi chiama e mi chiede di salire sul palco, preparo un paio di bombole di ossigeno e vado", ha detto in un'intervista del 2011. “Dico sempre alle persone che intendo vivere per sempre. Fin qui tutto bene."


Dave Van Ronk

Dave Van Ronk è stato una delle figure più importanti della scena musicale folk del Greenwich Village degli anni '60. Era un attivista e un cantautore, un marinaio mercantile ed ex membro di un quartetto di barbieri. Ma è stato il suo coinvolgimento nella scena che lo ha messo letteralmente sulla mappa, c'è una strada nel West Village di New York che porta il suo nome.


Contenuti

Nel 1866, Laura Foster fu assassinata. Il veterano confederato Tom Dula, amante di Foster e padre del suo bambino non ancora nato, fu condannato per il suo omicidio e impiccato il 1 maggio 1868. Foster era stato pugnalato a morte con un grosso coltello e la brutalità dell'attacco spiegava in parte la diffusa pubblicità dell'omicidio e del successivo processo ricevuto.

Anne Foster Melton, la cugina di Laura, era stata l'amante di Dula dall'età di dodici anni e fino alla sua partenza per la Guerra Civile, anche dopo che Anne aveva sposato un uomo più anziano di nome James Melton. Quando Dula tornò, divenne di nuovo l'amante di Anne, poi di Laura, poi della loro cugina Pauline Foster. I commenti di Pauline hanno portato alla scoperta del corpo di Laura e alle accuse contro sia Tom che Anne. Anne è stata successivamente assolta in un processo separato, sulla base della parola di Dula che non aveva nulla a che fare con l'omicidio. [7] L'enigmatica dichiarazione di Dula sul patibolo secondo cui non aveva fatto del male a Foster ma meritava comunque la sua punizione ha portato alla speculazione della stampa che Melton fosse il vero assassino e che Dula l'avesse semplicemente coperta. (Melton, che una volta aveva espresso gelosia per i presunti piani di Dula di sposare Foster, morì in un incidente di un carretto o impazzì pochi anni dopo l'omicidio, a seconda della versione. [ citazione necessaria ] )

Grazie agli sforzi di giornali come Il New York Times e al fatto che l'ex governatore della Carolina del Nord Zebulon Vance rappresentava Dula Pro bono, il processo per omicidio di Dula e l'impiccagione ricevettero un'ampia pubblicità a livello nazionale. Un poeta locale, Thomas C. Land, scrisse una canzone popolare sulla tragedia di Dula subito dopo l'impiccagione di Dula intitolata "Tom Dooley". In combinazione con la diffusa pubblicità ricevuta dal processo, la canzone di Land ha ulteriormente cementato il posto di Dula nella leggenda della Carolina del Nord [2] [3] è ancora cantata oggi in tutta la Carolina del Nord. [ citazione necessaria ]

Un uomo di nome "Grayson", menzionato nella canzone come fondamentale nella caduta di Dula, è stato talvolta descritto come un rivale romantico di Dula o uno sceriffo vendicativo che lo catturò e presiedette alla sua impiccagione. Alcuni testi varianti della canzone ritraggono Grayson in quella luce, e l'introduzione parlata alla versione Kingston Trio [6] ha fatto lo stesso. Il colonnello James Grayson era in realtà un politico del Tennessee che aveva assunto Dula nella sua fattoria quando il giovane era fuggito dalla Carolina del Nord per sospetto e stava usando un nome falso. Grayson ha aiutato i North Carolinians a catturare Dula ed è stato coinvolto nel riportarlo in North Carolina, ma per il resto non ha avuto alcun ruolo nel caso. [ citazione necessaria ]

Dula è stato processato a Statesville perché si credeva che non potesse ottenere un processo equo nella contea di Wilkes. Gli fu dato un nuovo processo in appello, ma fu nuovamente condannato e impiccato il 1 maggio 1868. Sulla forca, secondo quanto riferito, Dula dichiarò: "Signori, vedete questa mano? Non ho ferito un capello sulla testa della ragazza. " [ citazione necessaria ]

Il cognome di Dula è stato pronunciato "Dooley", causando una certa confusione nell'ortografia nel corso degli anni. La pronuncia di una "a" finale come "y" [ chiarimenti necessari ] è una vecchia caratteristica nel discorso degli Appalachi, come nel termine "Grand Ole Opry". [ citazione necessaria ] La confusione è stata aggravata dal fatto che il dottor Tom Dooley, un medico americano noto per il lavoro umanitario internazionale, era all'apice della sua fama nel 1958, quando la versione del Kingston Trio divenne un grande successo. [ citazione necessaria ]

Molte interpretazioni della canzone sono state registrate, in particolare:

  • Nel 1929, G. B. Grayson e Henry Whitter realizzarono la prima versione registrata della canzone di Land da un gruppo ben noto all'epoca, per Victor. [8][9][10][11] , Elektra, 1952. Warner, un folklorista, ignaro della registrazione del 1929, nel 1940 prese la canzone da Frank Proffitt e la passò ad Alan Lomax che la pubblicò in Canzone popolare: USA. [12]
  • Il 30 marzo 1953, la serie radiofonica della CBS Suspense ha trasmesso un dramma di mezz'ora "Tom Dooley" liberamente basato sulla canzone, che è stata cantata durante il programma dall'attore Harry Dean Stanton. Sebbene non siano stati pubblicati come registrazione commerciale, i dischi di trascrizione della trasmissione alla fine sono stati digitalizzati e fatti circolare da collezionisti radiofonici d'altri tempi. [13] [una fonte migliore necessaria]
  • Il Folksay Trio, che comprendeva Erik Darling, Bob Carey e Roger Sprung, pubblicò la prima versione post-1950 della canzone per American Folksay-Ballate e danze, vol. 2 sull'etichetta Stinson nel 1953. La loro versione era degna di nota per aver incluso una pausa nella linea "Hang down your head Tom. Dooley". Il gruppo si riformò nel 1956 come The Tarriers, con Darling, Carey e Alan Arkin, e pubblicò un'altra versione di "Tom Dooley" per I Tarri sull'etichetta Glory nel 1957. [14]
    registrò la versione più popolare della canzone nel 1958 per la Capitol. Questa registrazione ha venduto oltre sei milioni di copie, superando gli Stati Uniti Tabellone Hot 100 chart, ed è spesso accreditato con l'inizio del "boom della musica popolare" della fine degli anni '50 e '60. [6] Aveva solo tre versi (e il ritornello quattro volte). Questa registrazione della canzone è stata inserita nel National Recording Registry della Library of Congress [15] ed è stata insignita del Grammy Hall of Fame Award. [16] La Grammy Foundation l'ha nominata una delle canzoni del secolo. [8] e Crazy Horse hanno registrato una versione di otto minuti nel loro album del 2012 americana, su cui hanno ribattezzato la canzone con l'ortografia corretta "Tom Dula" e l'hanno pronunciata in modo tale da farne una dichiarazione politica contro l'ex leader della maggioranza della Camera Repubblicana Tom DeLay. [citazione necessaria]

Altri artisti che hanno registrato versioni della canzone includono Paul Clayton, Line Renaud, Bing Crosby, Jack Narz, Steve Earle e i Grateful Dead.

Parodie Modifica

"Tom Dooley" ha suscitato una serie di parodie, sia come parte di altre canzoni che come intere canzoni. Per esempio:

    hanno usato questa canzone e Worried Man Blues per prendere in giro il Kingston Trio nella loro canzone Più soldi per te e me. inserisce una linea alterata dalla canzone in una registrazione di "Rudolph the Red-Nosed Reindeer"
  • The Incredible Bongo Band ha registrato la canzone "Hang Down Your Head Tom Dooley, Your Tie's Caught In Your Zipper" (1972). hanno fatto una versione sul loro album "The Songs and Comedy of the Smothers Brothers! Recorded at the Purple Onion, San Francisco" dove hanno fatto riferimento alla causa contro il Kingston Trio affermando che Dickie Smothers l'aveva scritta e che il Kingston Trio l'aveva rubata . hanno usato questa canzone per prendere in giro Tom Daschle nel loro album del 2003 Tra Iraq e un luogo difficile[17]

Per Capitol Records 45 giri uscita # F4049 del Kingston Trio [18]

Grafico (1958) Picco
posizione
Classifica dei single australiani 1
Classifica dei singoli canadesi 1
Classifica dei single norvegesi 1
Classifica dei singoli italiani 1
Classifiche sudafricane 8
Classifica dei singoli nel Regno Unito 5
noi Tabellone Caldo 100 [19] 1
NOI. Tabellone Lati R&B caldi [20] 9

Classifiche di tutti i tempi Modifica

Il terzo e ultimo verso della canzone di successo crossover di Stonewall Jackson Waterloo del 1958 fa riferimento a Tom Dooley con il testo "Ora oscilla dove canta l'uccellino, ed è lì che Tom Dooley ha incontrato la sua Waterloo".

Il successo del Kingston Trio ha ispirato il film, La leggenda di Tom Dooley (1959), con Michael Landon, con Richard Rust. Un western ambientato dopo la Guerra Civile, non si trattava delle tradizionali leggende di Tom Dula o dei fatti del caso, ma di un trattamento immaginario su misura per adattarsi al testo della canzone.

"Tom Dooley" è il nome di un episodio della quinta stagione di Ally McBeal, in cui John Cage canta una versione della canzone con la sua band messicana.

La canzone è stata parodiata nell'episodio n. 702 di Mistero Science Theatre 3000. Crow T. Robot, motivato dalla somiglianza di un attore con Thomas Dewey, ha cantato una versione che inizia "Aggiungi la testa, Tom Dewey."

La versione di Glada Barn della canzone di Land si chiude rettificare episodio della seconda stagione "Mazel Tov". [22]

Nel film del 1980 venerdì 13, i campeggiatori nella scena di apertura iniziano a cantare la canzone. La scena di apertura è ambientata nel 1958, l'anno in cui debuttò la versione Kingston Trio della canzone.


Guarda il video: The Kingston Trio Raspberries, Strawberries Live Music Video in Hollywood - Director: Chip Miller