Volevano i primi figli di Neanderthal e Homo Sapiens

Volevano i primi figli di Neanderthal e Homo Sapiens

Sebbene siano stati fatti molti progressi per comprendere molte delle caratteristiche dei nostri antenati, l'evoluzione umana, specialmente quella che risale di più nel tempo, è quella con il maggior numero di lacune informative e quindi, quando viene fatta un'importante scoperta, si celebra come mai prima d'ora.

A nord di Israele, nel Grotta di Manot, è stato realizzato un ritrovamento che ha destato la curiosità della comunità archeologica internazionale. È la parte superiore di un cranio e resti diversi Ciò fa meravigliare gli esperti che sia i Neanderthal che l'Homo sapiens siano coesistiti nel tempo come cacciatori nomadi.

Questa grotta si trova a circa 40 chilometri dalla grotta Amud e 54 chilometri da Kebara, come è stato dimostrato erano abitate da uomini di Neanderthal. Pertanto, se si tiene conto del fatto che il ritrovamento di Manot ha circa 55.000 anni, si potrebbe dire che ci sono molte possibilità che coincidessero in quest'area per migliaia di anni.

Al momento non c'è stato uno studio approfondito sull'argomento e nonostante questo pezzo non fornisca dati conclusivi, si ritiene che questa latitudine potrebbe essere uno dei luoghi in cui entrambe le specie si sono incrociate. Ma sono andati oltre nelle loro speculazioni, lo affermano Potrebbe essere il figlio di un uomo di Neanderthal e di un homo sapiens, che sarebbe una vera scoperta.

Una delle sue caratteristiche principali è che questo osso è il primo ad essere trovato al di fuori dell'Africa e appartiene a un essere umano moderno di circa 55.000 anni. L'antropologo Hershkovitz, uno dei coautori del ritrovamento, ha affermato che questo può essere un segno che entrambe le specie coesistessero e in questo periodo, sempre secondo l'analisi genetica, L'homo sapiens africano ha avuto figli con uomini di Neanderthal.

[Tweet "È questo il teschio di uno dei primi ibridi tra Homo Sapiens e Neanderthal?"]

Uno studio preliminare solleva la possibilità che questo è il cranio di uno dei primi ibridi tra homo sapiens e neanderthal, qualcosa che diversi ricercatori di Germania, Austria, Stati Uniti e Israele propongono, quindi se fosse vero, sarebbe una delle scoperte più importanti degli ultimi tempi, in cui un pezzo di grande peso si adatterebbe al puzzle dell'evoluzione umana Anche se, come hanno detto i ricercatori, c'è ancora molto lavoro da fare e abbastanza studiato sull'argomento per poter affermare qualcosa con totale fiducia.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Giorgio Manzi: Alle origini di Homo sapiens e del nostro mondo di simboli