DNA estratto da fossili di canguro gigante

DNA estratto da fossili di canguro gigante

Vari scienziati australiani sono riusciti a estrarre il DNA più antico da diversi fossili di due enormi marsupiali giganti. Si ritiene che abbiano abitato il paese circa 40.000 anni fa e, come hanno riferito i ricercatori, il processo è stato davvero difficile sebbene siano felici perché hanno chiarito l'albero genealogico dei canguri e wallaby moderni.

Bastien Llamas, ricercatore presso l'Australian Center for Prehistoric DNA presso l'Università di Adelaide, ha affermato che "La possibilità di estrarre il DNA per analizzarlo è stata qualcosa di grande importanza in questo studio, poiché il lavoro precedente in Australia non è stato in grado di essere svolto in profondità”.

Una grande quantità di materiale genetico estratto dai resti dei crani e anche dai denti di quello sono stati trovati in una grotta nella zona di Tazmania, che si sono rivelati di a Sismostherenus occidentalis o canguro gigante e a Protemmodon anak, del wallabie gigante, vissuto circa 40.000 anni fa.

Llamas, esperto di biologia genetica, ha assicurato che il problema in questo paese con il quale ci sono molte indagini che hanno l'estrazione del DNA come una delle loro linee guida, sono le alte temperature e anche l'umidità che esistono in molte aree del paese, il che significa che il materiale genetico non è conservato come in molti altri posti nel mondo ed è un compito molto difficile e per questo motivo quando si ottengono risultati è una gioia per la comunità scientifica.

Voleva anche aggiungere che molte delle specie faunistiche preistoriche australiane che si sono estinte da molto tempo, oggi mancano di parenti stretti che possono essere conosciuti o semplicemente, la vera esistenza di possibili legami è sconosciuta.

In questa ricerca è stato riscontrato che il wallabie gigante è direttamente imparentato con i canguri moderni. È stato anche confermato che i canguri giganti quando sono scomparsi non hanno lasciato prole, ma è noto che il loro lignaggio potrebbe essere correlato al Lagostrophs fasciatus, una specie di wallabie.

Uno degli obiettivi dello studio di questi risultati è quello sarà possibile determinare quali o quali sono state le ragioni dell'estinzione sia dei wallaby che dei canguri giganti. Llamas ha confermato che continuerà i suoi studi per indagare di più su questa scoperta, ma trarrà vantaggio ed estenderà la ricerca anche ad altre specie di marsupiali come il leone marsupiale o il diprotodonte, tra gli altri.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Alle origini di Homo e delle grandi diffusioni della preistoria - Giorgio Manzi