Diversi oggetti bizantini trovati grazie a una tempesta in Israele

Diversi oggetti bizantini trovati grazie a una tempesta in Israele

A volte si cercano reperti archeologici ea volte compaiono quasi per magia. Giovedì scorso era in corso un importante scavo in Israele, dove si è tentato di salvare un grande vaso di terracotta del periodo bizantino. Era stato scoperto su una spiaggia dopo una tempesta, ma il destino ha portato a diversi oggetti storici trovati nell'area degli scavi.

Il luogo è stato scoperto da diversi ranger del noto Sito archeologico di Gan Yavne, a Parco nazionale della spiaggia di Palmahim, a circa 15 chilometri a sud della città di Tel Aviv. I forti venti e le onde hanno fatto letteralmente "mangiare" l'acqua alla costa e rivelando i diversi substrati e oggetti che sono stati sepolti lì.

Sebbene fossero iniziati i lavori di scavo con macchinari pesanti, le alte maree hanno costretto a ritirarlo fino a quando la marea non si fosse nuovamente ritirata. Sperano di trovare più vasi e diversi manufatti di grande valore storico, in particolare la grande nave, che si ritiene sia profonda un metro e mezzo e la cui origine può essere fatta risalire tra il VI e il IV secolo a.C.

Mentre Yitzhack Marmelstein, direttore dello scavo, avanzava, la nave è stata installata sotto un vecchio pavimento e solo l'apertura è stata lasciata esposta a livello del suolo. Ha anche affermato che potrebbero esserci molte più navi, anche se di dimensioni più piccole, sparse su molte aree della spiaggia, ma la cosa curiosa è che la grande nave non appartiene a questo luogo e tutto indica che potrebbe essere stata portata da Cipro o Siria settentrionale tra gli altri luoghi.

All'interno di questa nave sono stati trovati diversi oggetti, pezzi di una pentola, un porta incenso e persino una bottiglietta di olio praticamente intatta.

Ma non è qualcosa che può essere descritto come straordinario dato che l'area in cui si trova questo ritrovamento ha circa 4.000 anni e le persone si stabilirono qui dall'età del bronzo al Medioevo, quindi è molto probabile che ci siano molti più oggetti sepolti che possono far luce sulla loro storia.

Inoltre, questo luogo è in continuo scavo, poiché sono stati scoperti dei relitti negli anni '80, diversi attrezzi da pesca e altri oggetti sparsi in vari periodi della storia, quindi gli scavi continueranno sicuramente a fornire buone sorprese come questa.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Luce sullArcheologia - Gli spazi del sacro: Culti antichi e nuovi - Incontro 3