Trovano lo scheletro di un mosasauro in Colombia

Trovano lo scheletro di un mosasauro in Colombia

Nella zona di Coello (Tolima), in Colombia, Luis Enrique Calderón, insegnante della scuola rurale Girardot, ha trovato i resti di un mosasauro, rettile marino risalente alla preistoria, individuato in un'area in prossimità di un ruscello.

Una delle migliori notizie che si potrebbero avere è che i resti sono praticamente completi e hanno anche dei tessuti che si sono conservati grazie ai substrati sotto i quali è stato sepolto per tutto questo tempo.
Grazie a questo ritrovamento e all'ottimo stato di conservazione è possibile ottenere un grande volume di dati su questo enorme rettile e sulle condizioni di vita che aveva in quest'area del mondo, essendo una scoperta davvero incredibile.

A comandare gli scavi è María Páramo, professoressa all'Università Nazionale e paleontologa, che ha evidenziato lo stato di conservazione e anche che alcuni tessuti molli sono stati conservati nelle cavità. Questa nuova specie è stata battezzata come Eonatator coellensis, dove la seconda parte di questo nome è direttamente correlata al luogo in cui è stata trovata, in onore del comune di Coello.

Secondo studi preliminari su questi resti, è stato determinato che questo mosasauro apparteneva al genere Eonatator, una nuova specie nel mondo, dando ancora più valore a questo ritrovamento che ha suscitato l'interesse della comunità paleontologica internazionale.

Il fossile è stato trovato tra rocce risalenti al periodo Cretaceo con un'età di circa 80 milioni di anni, un tempo in cui i mosasauri erano uno dei re del mare e avevano una presenza in diversi angoli del mondo. Si sono distinti per la loro grande agilità in acqua, nonostante fossero presenti esemplari che potevano raggiungere i 20 metri di lunghezza, anche se questo non è il caso del fossile di Tolima poiché è piuttosto piccolo.

Il paleontologo e il suo team lo hanno stimato la lunghezza della coda era simile a quella del tronco stesso, sebbene avesse una testa relativamente piccola, lunga poco più di 16 pollici. Allo stesso modo, praticamente tutta la sua struttura ossea è stata preservata e sono state ritrovate quasi tutte le vertebre, 15 denti, il cranio e varie altre parti del corpo.

La scoperta è stata fatta per caso, quindi non è escluso che in zona, prima o poi, potrebbero riapparire nuovi fossili che forniscono più conoscenza alla scienza e alla biologia.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: How To Draw Indominus Rex Full Body - Jurassic World - Tutorial Tuesday pt1