Ritrovamento di grande valore in una chiesa in Perù

Ritrovamento di grande valore in una chiesa in Perù

Durante alcuni lavori di restauro effettuati nel chiesa di San Francisco de Asís, nella città peruviana di Maras, a circa 25 chilometri da Cuzco, è stato trovato una cripta con resti scheletrici e affreschi originali risalenti al XVI secolo, che furono ricoperte da opere d'arte più attuali nel XVII secolo.

Di fronte a questa scoperta, gli esperti della Cultura di Cuzco, un'organizzazione governativa che ha il compito di gestire il patrimonio culturale della regione, si sono messi al lavoro per studia la cripta ritrovata sotto la Vergine di Capilla de las Nieves.

È stato trovato all'interno di un file gran numero di ossa umane, che sembrano appartenere a 32 persone furono sepolte durante i primi giorni della chiesa. I resti sono disarticolati e femori, tibie e ossa diverse possono essere trovati in nessun ordine, forse a causa di alcune profanazioni, di cui si ha evidenza in periodi storici precedenti.

Questa chiesa È stato costruito nell'anno 155622 anni dopo la conquista del Perù, lo stesso anno in cui la città fu fondata dal generale spagnolo Pedro Ortiz de Ouebe. Il tempio è stato creato in stile coloniale, con pareti in mattoni con una base in muratura e un tetto di tegole.

Da allora sono passati molti anni e questa costruzione ha attraversato diverse fasi in cui è stata gradualmente restaurata, anche se non così profondamente come si pensava di fare ora, quando è stata fatta la scoperta.

Durante il restauro sono state asportate dalla parete presbiteriale diverse tele attribuite ad Antonio Sinchi Roca, considerato uno degli artisti più importanti e prolifici di ciò che è noto come Scuola di Cusco.

Sotto i dipinti, i ricercatori di Roca hanno trovato un grande murale composto da più pannelli con una rappresentazione della Vergine Maria, qualcosa che è stato nascosto fino a circa un secolo dopo che era stato fatto. Sul muro della navata centrale è stato trovato anche un altro murale, questo presenta motivi geometrici e zoomorfi più astratti.

Quello che è stato scoperto è questo i murales appartengono a uno stadio precedente alla scuola di Cusco e forse sarebbe stato creato da artisti spagnoli che furono mandati a fondare una scuola che insegnasse a quechua e meticci a dipingere arte religiosa nel più puro stile europeo, ma ciò che è chiaro è che si tratta di opere di grande valore pittorico.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Esplorazione della cripta dei Disciplini sotto a San Bernardino alle Ossa, Milano