Cinque bare di piombo trovate in un convento francese

Cinque bare di piombo trovate in un convento francese

Tra il 2011 e il 2013, un team dell'Istituto Nazionale per la Ricerca Archeologica Preventiva ha effettuato uno scavo, in collaborazione con lo Stato, nel Convento dei Giacobini. Due anni dopo, le indagini in corso hanno portato a nuove scoperte.

Il Convento Giacobino fu costruito nel 1369, dopo la guerra di successione, segnalando la vittoria di Juan IV de Montfort, duca di Bretagna, su Carlos de Blois. Dal XV al XVII secolo il luogo fu un importante luogo di pellegrinaggi e sepolture, prova di queste ultime sono il 800 tombe scoperte dagli archeologi, comprese cinque bare di piombo. Uno di loro conteneva un cadavere molto ben conservato e il suo studio fornisce prove poco conosciute di pratiche di sepoltura d'élite durante il XVII secolo.

Le cinque bare di piombo risalenti al XVII secolo, erano accompagnati da reliquiari a forma di cuore. Quattro delle bare, scoperte nel coro della chiesa, contenevano scheletri relativamente ben conservati.

Il cinque reliquiari di piombo che accompagnava le bare nel convento giacobino costituiva un gruppo unico di questi oggetti in Europa. Tutti contenevano un cuore e quattro di loro avevano iscrizioni che rivelavano l'identità del defunto. Alcuni cuori sono stati avvolti in bende e imbalsamati con materiali vegetali. Un'analisi dei tessuti, delle specie vegetali e di alcuni organi hanno fornito informazioni sul processo di imbalsamazione.

Louise de Quengo, Miss de Brefeillac.

Nel seminterrato della Cappella Saint-Joseph, la quinta bara conteneva un corpo eccezionalmente ben conservato, quella di Louise de Quengo. Questa persona è stata identificata grazie alle iscrizioni sul reliquiario del cuore di suo marito, Toussaint de Perrien, morto nel 1649.

Per limitare il più possibile eventuali perdite di informazioni dovute alla decomposizione del corpo, lo studio è stato condotto in collaborazione con il Laboratorio di Antropologia Molecolare dell'Università di Tolosa e il servizio medico-legale della città.

Dopo aver scansionato l'intero corpo, l'autopsia ha rivelato la buona salute di Louise de Quengo e sia i biologi che i genetisti discutono se la causa della morte possa essere un'infezione.

Questi studi contribuiscono ad ampliare le informazioni disponibili sulle pratiche funerarie di quel tempo, così come il Storia della scienza e della medicina, poiché l'estrazione del cuore del defunto ha rivelato una grande padronanza delle pratiche mediche di intervento.


Video: Virginia Woolf e Mrs. Dalloway 1987