Curiosità sul sesso nel Medioevo

Curiosità sul sesso nel Medioevo

Gli storici hanno condotto varie indagini a comprendere e studiare il comportamento sessuale nel Medioevo. Le loro indagini ne rivelano alcuni curiosità dell'epoca che non hanno sprechi, come il corteggiamento, luoghi comuni per fare sesso o le storie popolari piccanti che si sentivano allora.

Per l'uomo e la donna medievali, gli occhi e lo sguardo erano una parte fondamentale della sessualità. In 'Medieval Life', di Roberta Gilchrist, viene spiegato che secondo le teorie medievali sugli sguardi, “l'occhio non era un recettore passivo. L'atto di guardare poteva stimolare il desiderio dell'osservatore e dell'osservato, per cui alle donne veniva spesso consigliato di non guardare gli uomini per non tentarli.

Un altro studio lo ha rivelato uno dei luoghi predominanti per praticare il sesso in una città medievale era la Chiesa. Contrariamente alla credenza popolare, le case e le comunità spesso mancavano di privacy, quindi "la chiesa, sicura, asciutta e deserta per gran parte della giornata, era l'equivalente del sedile posteriore di un'auto".

Ma nonostante, alla chiesa medievale non piaceva il sessoe durante tutto quel tempo furono fatte numerose leggi e proclami religiosi che cercavano di limitare quando, come e con chi si potevano avere rapporti sessuali. Sebbene alle persone fosse permesso avere rapporti sessuali con il coniuge, la Chiesa accettava un solo tipo di incarico: il missionario, basato sul fatto che era quello che ha fornito meno piacere alla coppia e la sessualità aveva come scopo assoluto la concezione della prole.

[Tweet "Nel Medioevo la Chiesa accettava la posizione sessuale del Missionario solo perché offriva meno piacere alla coppia"]

Un aspetto interessante dello studio mostra il tipo di uomo che le donne preferivano nel Medioevo. Nel XIII secolo, nel sud della Francia, il rabbino Isaac ben Yedaiah lo fa notare gli uomini circoncisi devono assicurarsi che le loro donne non dormano con uomini che non lo sonoPoiché "grazie al prepuzio, che è una barriera all'eiaculazione, l'uomo ha più resistenza e fa provare alla donna più piacere e raggiungere prima l'orgasmo".

Tra il XII e il XIV secolo, alcuni racconti conosciuti come fabliaux che erano ben noti in Francia. Il fabliaux erano storie comiche che includevano mogli e altre donne che avevano relazioni sessuali con un'ampia varietà di uomini. Le storie includono: «La fanciulla che non poteva sentire, cazzo«, «Il signore che ha fatto parlare le fighe«, «Il prete che era rigido"Y"Berangier il lungo bastardo«.

Secondo il prostituzioneEra considerato un atto peccaminoso, ma nelle aree urbane dell'Europa medievale era tollerato come un male necessario. Alcuni dei regolamenti sulla prostituzione sono ancora in vigore, Come il "Regolamenti relativi all'alloggiamento delle prostitute nei bordelli", Che fa parte delle ordinanze della città di Norimberga dal 1470.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: MEDIOEVO: USANZE medievali che OGGI NON proveresti MAI - curiosità documentario