Il Colosso di Rodi potrebbe tornare ad essere una realtà

Il Colosso di Rodi potrebbe tornare ad essere una realtà

Un gruppo di albergatori della città greca di Rodi si è recentemente incontrato per presentare le loro proposte per il ricreazione del Colosso di Rodi, l'imponente statua del dio titano greco del sole, Helios, che un tempo si trovava a un'altezza di 30 metri nel porto di Rodi stesso, essendo una delle grandi meraviglie del mondo antico e un orgoglio sia per gli abitanti di Rodi che per il resto della Grecia.

Questa struttura, considerata una delle più alte del suo tempo, rimase nello stesso porto per circa 56 anni, fino a quando il terremoto del 226 a.C.la spazzò via e da allora nessuna costruzione del genere fu più eretta.

Quello che si sa è che dopo la sua distruzione, i resti di questo colosso rimasero per più di 80 anni nello stesso luogo in cui erano caduti a causa del terremoto. In effetti, si dice che fosse così impressionante anche quasi completamente distrutto, quello molte visite vennero a Rodi per ammirarlo, soprattutto le persone che stavano passando per questa città.

Ci è stata data un'immagine mentale della grandezza che avrebbe potuto avere questo colosso Plinio il Vecchio, che ha assicurato che c'erano poche persone che potevano abbracciare completamente il pollice caduto. Ha anche affermato che ciascuna delle sue dita era più grande di qualsiasi statua. Infine, nel 653 circa, la statua fu venduta quando una forza musulmana al comando del califfo musulmano Muawiya I conquistò la città di Rodi.

Secoli dopo, un gruppo composto da 50 tra i più importanti albergatori di quest'isola greca si è accordato e ha come obiettivo rendere nuovamente il Colosso di Rodi una realtà e possano essere i viaggiatori di questo secolo che vanno a Rodi per ammirare la grandezza di questo colosso.

Al momento hanno già scritto un testo che è stato presentato a Marietta Papavasileiou, la nuova coordinatrice regionale di Rodi, per studiare la fattibilità di questa creazione e tutti i suoi pro e contro. Inoltre, gli albergatori ricevono aiuto dal deputato Konstantinos Damavolitis, che ha proposto al ministro della Cultura greco, Konstantinos Tasoulas, di sostenere il progetto di ricostruzione del Colosso di Rodi.

Quando gli è stato chiesto dove sarebbe stato ottenuto il denaro per questo scopo, non ha esitato ad assicurare che avrebbe cercato fondi nell'Unione Europea, UNESCO, diverse fondazioni filogeniche, organizzazioni internazionali e anche lo Stato greco, tra gli altri.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: God of War 3 Remastered: Cronos Boss Fight PS4 1080p 60fps