La Bibbia più antica del mondo al British Museum

La Bibbia più antica del mondo al British Museum

Se hai l'opportunità di visitare Londra, non puoi perdere l'occasione di visitare il British Museum in città poiché qui la copia più antica della Bibbia nel mondo, il Codex Sinaiticus, diventando una delle principali attrazioni di questo prestigioso museo.

Attualmente, il British Museum ospita un'interessante mostra che tratta evoluzione religiosa nell'antico Egitto dopo 1.200 anni consecutivi dalla morte di Cleopatra.

In questa mostra, chiamata: "Egitto: la fede dopo i faraoniSono circa 200 gli oggetti di grande importanza storica che rendono la visita a questo museo altamente consigliata e dove ci permettono di esplorare l'intreccio delle tre principali religioni monoteiste di questo affascinante e misterioso paese.

Si fa un viaggio attraverso 12 anni di storia religiosa in un periodo compreso tra l'integrazione dell'Egitto nell'Impero Romano, approssimativamente nel 30 a.C., fino alla caduta del califfato fatimide nel 1171, che ci permetterà di trovare un gran numero di oggetti di grande valore storico di diverse religioni come i politeisti , Giudaico, cristiano e islamico.

Come dichiarato Elisabeth O'Connell, curatore di questa mostra, possiamo vedere le relazioni tra stato e religione, dove molte persone divennero cristiane nel V secolo e successivamente musulmani nel X secolo, seguendo la religione adottata dall'élite al potere e dai nobili di quei tempi.

Allo stesso modo, possiamo vedere molte delle azioni quotidiane degli abitanti di quegli anni, prendendo come esempio un contratto di affitto tra due suore cristiane a un ebreo, il che rende chiaro che le diverse comunità non vivevano separate l'una dall'altra come venivano. pensa a un certo momento.

Neil MacGregor, direttore del British Museum, ha spiegato che l'idea che una religione fosse qualcosa che avesse confini che differenziassero le persone non era qualcosa che accadde veramente, era un mondo in cui le persone credevano in molte cose diverse.

MacGregor lo ha affermato il Codex Sinaiticus è il libro più importante di tutti quelli conservati in Gran Bretagna, libro scritto in greco alla metà del IV secolo su pergamena di vacchetta, destinato principalmente ai monaci del monastero di Santa Caterina, sul monte Sinai, divenendo un importante tesoro da vedere.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Cosa vedere al British Museum. Londra, arte e musei