Scoprono un anfiteatro romano a Volterra

Scoprono un anfiteatro romano a Volterra

L'archeologia ci permette di continuare a scoprire l'eredità che la storia ha lasciato in diverse parti del pianeta come la scoperta che è stata fatta molto di recente nel Città italiana di Volterra, dove un gruppo di archeologi ha scoperto il resti di una struttura ovale, che potrebbe essere il più importante anfiteatro romano scoperto nel secolo scorso.

La forma di questa struttura è molto simile a quella del Colosseo romano, sebbene ne abbia alcuni dimensioni inferiori a questa. Vengono forniti anche altri dati di grande rilievo come quello che misura circa 80 × 60 metri, anche se è stata portata alla luce solo una piccola parte di questa struttura, che si stima sia interrata tra i 6 ei 10 metri e si stima inoltre che le sue origini risalgono al I secolo a.C.

Dopo i primi studi effettuati nel giacimento, si è scoperto che lo è costruito in pietra e decorato con panchino, una classe di pietra ornamentale originaria di Volterra e utilizzata fin dall'epoca etrusca, cosa di grande importanza perché nessuna fonte antica ne menziona l'esistenza.

Fino ad oggi, gli archeologi hanno scoperto una grande pietra completamente scolpita e anche quello che sembra essere l'accesso a volta a un criptoportico o passaggio coperto, che sospettano potrebbe essere il corridoio in cui si fermavano i gladiatori prima. entrare nell'arena per combattere e offrire uno spettacolo ai presenti nel Colosseo.

Come dichiarato Elena Sorge, archeologo della Soprintendenza Toscana, che si occupa dell'intero scavo, di questo ritrovamento c'è da dire che se confrontato con il Colosseo romano che tutti conosciamo, che poteva ospitare più di 50.000 persone durante tutto il circo e altri spettacoli pubblici, si stima che l'anfiteatro di Volterra possa ospitare 10.000 persone su tre livelli.

Un altro fatto importante di questo sito è che dista poco più di un chilometro e mezzo è stato scoperto un teatro costruito al tempo di Augusto ed è considerato uno dei meglio conservati di tutta Italia.

Ai giorni nostri Volterra era nota soprattutto per la sua importante eredità etrusca, una civiltà di cui era una delle sue città più potenti e risale al I secolo a.C. quando cadde sotto il dominio romano e questo nuovo ritrovamento mostra che nonostante questo un nucleo importante rimase sempre all'interno dell'enorme impero di Augusto.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Anfiteatro di Volterra, In diretta dallo scavo