Franche-Comté: la corona spagnola oltre i suoi confini

Franche-Comté: la corona spagnola oltre i suoi confini

Il Franche-Comté è attualmente una regione al confine tra Svizzera, Francia e Germania. Ma questa contea francese ha radici lontane che la collegano alla storia di diversi popoli antichi, tra i quali troviamo, sorprendentemente, il nostro.

Le sue origini risalgono alla Sequoia, cittadina di origine gallica che ha la particolarità storica di non aver modificato negli anni i propri limiti territoriali. Franche-Comté Oggi occupa quasi lo stesso spazio geografico di 1.000 anni fa, ma come è stata associata questa lontana regione alla Spagna?

La storia inizia nel Undicesimo secolo, quando l'Impero Romano fondò una provincia in questa zona che chiamò Maxima Sequanorum. Nasce sulla vecchia strada che già correva tra i territori di Milano e Fiandre, integrando anche altre zone della Svizzera e della Germania.

Dopo la caduta dell'Impero Romano, l'attuale Franche-Comté diventa parte di diversi regni e conquistatori, fino a quando finalmente spetta alla monarchia asburgica, in particolare nelle mani di Filippo il Bello.

Sotto gli ordini della corona spagnola, è con il figlio di Felipe, Carlos V, quando la Franca Contea vive il suo massimo splendore. Alla fine del XV secolo e nei secoli successivi, la regione sarebbe diventata una fonte di lavoratori per la Corona.

Nonostante l'intenzione della maggioranza della contea di rimanere in Spagna, c'era anche un forte desiderio di autonomia che fu accettato dall'Impero spagnolo, concedendogli un gran numero di privilegi economici e monetari.

[Tweet «Alla fine della s. XV, la Franche-Comté era una fonte di lavoratori per la Corona spagnola »]

Con questi nuovi progressi e privilegi cede il passo alla modernità in Franche-ComtéNasce anche l'Università di Dole, nata come collegio dei gesuiti con l'obiettivo di formare le élite provinciali e finita per ottenere il grado di università e diventare una fonte eccezionale di funzionari al servizio della Corona spagnola.

Geopoliticamente, Franche-Comté è stata molto interessante per lo sviluppo del futuro europeo. Il fatto che i gesuiti controllassero l'istruzione nella regione, così come la sua posizione geografica, fece sì che la contea giocasse un ruolo importante nella lotta contro la riforma protestante che stava iniziando ad emergere.

Nonostante sia dimenticato nei libri di storia, La Franca Contea fu durante il regno di Carlo V una fonte di studiosi e collaboratori molto importante per il nostro Paese, e un'area pioniera dell'educazione moderna con l'opera dei Gesuiti come portatori di conoscenza e custodi della religione cattolica.

La storia che ci unisce alla Franche-Comté termina nell'anno 1678, quando il territorio fu ceduto alla Francia con il Trattato di Nimega, sotto il governo di Carlos II.

Fonte: Conferenza dell'Università Carlos III di Madrid, presentazione di Antonio Gonzales (Université de Franche-Comté) sulla storia del popolo sequoiano in Europa.


Video: COME PRESENTARSI IN SPAGNOLO