Uomini moderni e Denisoviani si sono mescolati non una, ma due volte

Uomini moderni e Denisoviani si sono mescolati non una, ma due volte

Gli umani moderni, i Neanderthal ei Denisoviani coesistevano e si incrociavanoe la sua miscela è ancora presente nel nostro DNA.

Da quando il genoma denisoviano è stato analizzato nel 2010 - con i pochi pezzi fossili trovati: una falange e due molari - è noto che alcune popolazioni dell'Oceania, come i papuani, indigeni della Nuova Guinea e delle isole vicine, condividono fino a un 5% del tuo DNA con quegli umani.

Ciò significa che si è verificato un incrocio tra umani moderni e Denisoviani, che ha persino segnato il genoma delle popolazioni dell'Asia orientale e meridionale, che oggi contiene lo 0,2% di DNA denisovano. Gli scienziati hanno ipotizzato che l'ascendenza denisoviana degli asiatici moderni fosse dovuta alle migrazioni delle popolazioni dall'Oceania.

Uno studio ora pubblicato sulla rivista Cell si è concentrato sull'eredità genetica di queste persone grazie a un nuovo metodo di analisi basato sulle informazioni dei progetti UK10K, 1000 Genomes e Simons Genome Diversity.

I risultati lo dimostrano l'attuale DNA degli asiatici orientali come i gruppi etnici cinesi Han e Dai e giapponesi,contengono DNA denisovano grazie ad una seconda traversata diversa da quella dei popoli dell'Oceania.

[Tweet "L'attuale DNA dell'Asia orientale comprende il DNA di Denisova grazie a un secondo incrocio con i Denisova"]

"In questo nuovo lavoro con gli asiatici orientali abbiamo trovato una seconda serie di antenati denisoviani che non è negli asiatici del sud e nei papuani", afferma Sharon Browning, autrice principale del lavoro e ricercatrice presso l'Università di Washington (USA).

"Questo antenato denisoviano negli asiatici orientali sembra essere qualcosa che hanno acquisito da soli", aggiunge il ricercatore.

Il team di scienziati ha analizzato 5.639 sequenze dell'intero genoma di individui provenienti da Europa, Asia, America e Oceania e le ha confrontate con Genoma denisoviano. Così i ricercatori sono stati in grado di determinarlo il genoma di questi umani arcaici che potevano vivere fino a 40.000 anni fa è più strettamente correlato alla moderna popolazione dell'Asia orientale che ai moderni papuani.

Secondo gli esperti, i genomi dei due gruppi di esseri umani moderni con Antenati denisoviani - gli individui dell'Oceania e quelli dell'Asia orientale - sono straordinariamente diversi, indicando che c'erano due episodi separati di mescolanza con quegli umani arcaici: uno da una città vicino ai Monti Altai in Siberia - dove sono stati trovati i resti dei Denisoviani - e un altro più lontano.

“Le due popolazioni miste di Denisovans erano geneticamente distinte, suggerendo che fossero geograficamente separate. Può darsi che gli antenati degli asiatici orientali abbiano incontrato un gruppo di Denisoviani che vivevano nell'Asia centrale o orientale, mentre quelli oceanici hanno incontrato i Denisovani che vivevano nell'Asia meridionale o sud-orientale ", i dettagli del ricercatore .

L'obiettivo dei ricercatori è trovare prove di altri incroci con altri umani arcaici. Per fare ciò, analizzeranno le popolazioni di tutto il mondo, compresi i nativi americani e gli africani per completare il quadro della storia demografica umana. "Studi come questo mostrano che la storia demografica umana era complessa", conclude Browning.

attraverso Agenzia SINC

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Episode 40: The Denisovans