Storia della Terra: il supercontinente Rodinia

Storia della Terra: il supercontinente Rodinia

Il supercontinente Rodinia, dal russo «rodito"Che significa" generare "o" partorire ", o da" ródina "(Patria), è un supercontinente Neoproterozoico quello formata tra 1,3 e 900 milioni di anni fa riunendo gran parte della massa continentale del pianeta per accrescimento e collisione di frammenti del precedente supercontinente, Columbia. che è stato preceduto a sua volta da Kenorland.

Allo stesso tempo, ha cominciato a crollare tra 750 e 633 milioni di anni fa, dando forma a un nuovo supercontinente: Pannotia.

Formazione del supercontinente Rodinia

L'idea dell'esistenza di un supercontinente nel primo Neoproterozoico è nata nel 1970 quando i geologi hanno determinato l'accrescimento di tre o quattro continenti emersi dopo la partizione della Columbia, determinando che gli orogeni di quell'età esistono in quasi tutti i cratoni, come il Greenville Orogeny. in Nord America, o nel Dalsland Orogeny, in Europa.

[Tweet "Il supercontinente Rodinia si è formato tra 1,3 e 900 milioni di anni fa"]

Da quel momento, molte ricostruzioni alternative sono state proposte per la configurazione dei cratoni di questo supercontinente, e sebbene il la configurazione dei cratoni centrali in Rodinia è attualmente altamente riconosciuta, ci sono alcune ricostruzioni che differiscono ancora per alcuni dettagli.

In questo modo, i geologi tentano di delimitare le incertezze raccogliendo dati geologici e paleomagnetici di quell'epoca.

Ricostruzione del supercontinente Rodinia

La maggior parte delle ricostruzioni mostrano il Rodinia core formato dal cratone nordamericano (l'ultimo paleocontinente di Laurentia), circondato a sud-est dal cratone dell'Europa orientale (baltico), dal cratone amazzonico (Amazzonia) e dal cratone dell'Africa occidentale. A sud, con i cratoni Rio de la Plata e San Francisco; a sud-ovest con i cratoni Congo e Kalahari e a nord-est con Australia, India e Antartide orientale.

Le posizioni della Siberia e del nord e del sud della Cina a nord del cratone nordamericano, differiscono notevolmente a seconda della ricostruzione a cui si fa riferimento.

Formazione e paleografia di Rodinia

Poco si sa della paleografia prima del Formazione di Rodinia. I dati paleomagnetici e geologici sono definiti solo sufficientemente per formare ricostruzioni dal Rottura di Rodiniae da quel momento in poi.

Così, Si ritiene che Rodinia si sia formata tra 1,3 e 1,23 milioni di anni fa, Y si è rotto 750 milioni di anni fa. A loro volta, i geologi hanno stabilito che Rodinia era circondata dal superocean Mirovia (dal russo "globale").

La vita nel supercontinente Rodinia

A differenza dei successivi supercontinenti, Rodinia sarebbe stata completamente sterile, esistente prima che la vita complessa raggiungesse la terraferma.

Sulla base dell'analisi delle rocce sedimentarie, il Formazione di Rodinia Si è verificato quando lo strato di ozono non era così esteso come lo è oggi, quindi la luce ultravioletta non ha permesso la formazione della vita sulla terra, sebbene abbia influenzato la vita marina del suo tempo.

Separazione dal supercontinente Rodinia

A differenza della sua formazione, che solleva una serie di dubbi, la loro rottura è ben nota, grazie all'evidenza di estese colate laviche ed eruzioni vulcaniche proprio al confine Precambriano-Cambriano, soprattutto nel cratone nordamericano, 750 milioni di anni fa.

Altri continenti come il Baltico e l'Amazzonia, separati da Laurentia circa 600-550 milioni di anni fa, dando origine all'Oceano Giapeto, o Oceano Giapeto, e a loro volta il oceano panthalassa.

Da questa rottura sorsero otto continenti che successivamente si riunirono nuovamente formando il Pannotia supercontinente, e dopo una nuova separazione, si riunì per formare il supercontinente Pangea.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: La Tettonica delle placche