Identificano il primo fossile di pangolino nella penisola iberica

Identificano il primo fossile di pangolino nella penisola iberica

In questo momento, pangolini (o formichieri squamosi) sono rappresentati da tre generi, diversi per distribuzione geografica e adattamenti locomotori.

Il pangolini asiatici sono compresi nel genere Manis, mentre gli africani sono inclusi in Smutsia (pangolini macinati) e Phataginus (pangolini arboricoli). Ma durante l'Eocene (più di 33 milioni di anni fa), i pangolini andavano dall'Asia al Nord America.

Nel Miocene sono stati trovati esclusivamente in Europa, dove erano rappresentati dal genere estinto Necromanis, di incerti rapporti con le specie attuali.

In Europa, durante l'Oligocene (più di 23 milioni di anni fa) e il Miocene (tra 23 e 5 milioni di anni fa) sono state identificate diverse specie di questo genere, generalmente rappresentate da resti fossili frammentari.

Ora, David M. Alba, direttore dell'Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont (ICP), insieme ad altri ricercatori, hanno ha descritto un femore di pangolino di 16 milioni di anni fa attribuito a Necromanis, che rappresenta l'unico record noto di questo gruppo nella penisola iberica, e che è molto meglio conservato rispetto ai femori precedentemente noti di questo genere.

Sorprendentemente, il femore è stato scavato diversi decenni fa nel Sito di Can Cerdà, ed è stato menzionato per la prima volta in uno scritto di Miquel Crusafont nel 1975. Ma il materiale non è mai stato disegnato o descritto, e apparentemente è stato dimenticato.

Il presenza di pangolini fossili nella penisola iberica è stato quindi omesso da tutti gli articoli pubblicati su questo gruppo per più di 20 anni. La ricerca è stata ora pubblicata sul Journal of Vertebrate Paleontology.

Alba ha scoperto l'esistenza dell'esemplare dai testi Crusafont ed è stato relativamente facile individuarlo tra le collezioni dell'ICP.

Non è raro che i ricercatori recuperino fossili straordinari nei cassetti e negli armadi dei musei; Tuttavia, è molto raro scoprire fossili dalle collezioni dell'istituzione durante la lettura della letteratura pubblicata 40 anni fa.", Spiega il ricercatore.

Il Can Cerdà femore assomiglia a quello dei Necromanis e di altri pangolini estinti perché è più primitivo di quello degli attuali rappresentanti del gruppo.

La presenza di un piccolo depressione nella testa del femore o un terzo trocantere ben sviluppato che sporge dall'asse osseo sono un esempio di questi caratteri primitivi.

Non è chiaro se le piccole differenze che il fossile mostra rispetto ad altri femori di Necromanis riflettano semplicemente la normale variazione tra individui della stessa specie o se si tratta di specie diverse. Data la scarsità di resti disponibili, l'esemplare è provvisoriamente assegnato a Necromanis cfr. franconica, che era già stato descritto durante il Miocene in Francia e Germania.

Il Sito di Can Cerdà Era una cava di argilla situata vicino alla fattoria con lo stesso nome, nel comune di El Papiol. Purtroppo il sito non esiste più, quindi non è possibile cercare nuovi resti.

comunque, il ricerca paleontologica in corso dal gruppo di ricerca delle Faune Neogene e Quaternarie dell'ICP nel Miocene del Bacino Vallès-Penedès contribuirà a ulteriori sorprendenti scoperte nei prossimi anni.

attraverso Sincronizza

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: PENISOLA IBERICA