Ricostruzione facciale di un Cro-Magnon di 28.000 anni coperto di tumori

Ricostruzione facciale di un Cro-Magnon di 28.000 anni coperto di tumori

Un team di scienziati ha effettuato uno scioccante ricostruzione di un uomo di Cro-Magnon di 28.000 anni, il cui volto era coperto di protuberanze, di cui uno molto grande sulla fronte.

I ricercatori ritengono che probabilmente lo sia tumori benigni causato da una malattia genetica nota come neurofibromatosi, che causa la comparsa di questi tumori e anche macchie sulla pelle.

Lo scheletro di Cro-Magnon 1, come fu battezzato, risale a 28.000 anni fa ed è stato trovato nel 1868 nella grotta di Eyzies, nella regione sud-occidentale della Dordogna, in Francia.

Nel 150 ° anniversario della scoperta, i ricercatori hanno deciso di effettuare una nuova analisi dei resti, trovando una nuova diagnosi: «aveva sofferto di un tipo di neurofibromatosi«, Ha spiegato l'antropologo Philippe Charlier.

Dopo quest'ultima diagnosi, «abbiamo realizzato una ricostruzione realistica del volto di quest'uomo, tenendo conto della sua patologia"Aggiunto Charlier.

Questo uomo di Cro-Magnon, molto probabilmente morì prima dei 50 anni. A parte i denti, il suo cranio è completo.

In questa grotta trovarono nel 1869 una serie di scheletri umani che furono catalogati all'interno del Cro-Magnon, i loro resti furono i primi ad essere riconosciuti come appartenenti alla nostra stessa specie, Homo Sapiens.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Il medico, la lingua dei gesti e la giovane sordomuta nel reparto Covid